sabato 11 dicembre 2010

Arte e Bellezza (5)

Eccoci al quarto appuntamento con questa rubrica. Quest'oggi vorrei parlarvi di un'opera moderna che mi è piaciuta moltissimo: I promessi sposi.
Questa riporta in scena uno dei romanzi più importanti della letteratura italiana scritto da Alessandro Manzoni (il romanzo è omonimo).
Qui vi metto le informazioni relative al musical:
MICHELE GUARDÍ
Presenta
I PROMESSI SPOSI
Opera moderna dal romanzo di ALESSANDRO MANZONI
Musica Arrangiamenti e Armonizzazioni corali
PIPPO FLORA
Scene LUCIANO RICCERI
Costumi ALESSANDRO LAI
Coreografie MAURO ASTOLFI
Maestro d’Armi RENZO MUSUMECI GRECO
Luci FRANCO A. FERRARI
Coordinamento musicale e collaboratore agli arrangiamenti GIANLUCA CUCCHIARA
Coro Polifonico di MARIA GRAZIA FONTANA
Orchestra Sinfonica “Nova Amadeus”
Direzione musicale e Direzione d’orchestra
RENATO SERIO
Riduzione teatrale Testo Regia:
MICHELE GUARDì
CAST:
GRAZIANO GALATONE- RENZO
NOEMI SMORRA - LUCIA
PAOLA LAVINI -AGNESE
ANTONIO MAMELI- DON ABBONDIO
BRUNELLA PLATANIA -PERPETUA
VITTORIO MATTEUCCI- L'INNOMINATO
CHRISTIAN GRAVINA - FRA’ CRISTOFORO-IL CARDINALE BORROMEO
ANTONIO DE GOBBI- L’AVVOCATO AZZECCAGARBUGLI
CRISTIAN MINI- Il Conte Attilio
CHIARA LUPPI - LA MADRE DI CECILIA
Con la partecipazione straordinaria di
GIÒ DI TONNO- DON RODRIGO

LOLA PONCE- LA MONACA DI MONZA
e con
ALESSANDRO CALAMAI
ENRICO D’AMORE
VINCENZO CALDAROLA
MASSIMO CIMAGLIA
LORENZO PRATICÒ
MAURIZIO SEMERARO
MAURIZIO DI MAIO
MIRELLA ELIZI
CORPO DI BALLO DE “I PROMESSI SPOSI”
Un po' di trama...
La vicenda si svolge in Lombardia tra il 1628 e il 1630, al tempo della dominazione spagnola. A don Abbondio, curato di un piccolo paese posto sul lago di Como, viene imposto di non celebrare il matrimonio di Renzo Tramaglino con Lucia Mondella, della quale si è invaghito Don Rodrigo, il signorotto del luogo. Costretti dall'arroganza dei potenti a lasciare il paese natale con l'aiuto del buon frate Cristoforo, Lucia e la madre Agnese si rifugiano in un convento di Monza, mentre Renzo si reca a Milano con il vago proposito di ottenere in qualche modo giustizia. Don Rodrigo fa rapire Lucia dall'Innominato, un altro signore prepotente e rotto a tutti i delitti, ma la vista della fanciulla così ingiustamente tormentata e l'arrivo del cardinale Borromeo provocano al losco sicario una crisi di coscienza: invece di consegnare la fanciulla a Don Rodrigo, l'Innominato la libera. Intanto Renzo è arrivato a Milano mentre il popolo tumultua per la carestia e, scambiato per uno dei capintesta della sommossa, è costretto a fuggire a Bergamo. La Lombardia è straziata dalla guerra e dalla peste, ma Renzo torna a Milano per cercare la sua promessa sposa. Ritrova Lucia in un lazzaretto insieme a frate Cristoforo che cura gli infermi tra i quali, abbandonato da tutti, c'è Don Rodrigo morente. Placata la peste, dopo tante vicissitudini Renzo e Lucia possono finalmente diventare marito e moglie.

Non sò se avete notato ma nel cast sono presenti due bravissimi interpreti...Lola Ponce e Giò di Tonno che hanno recitato e cantato anche nel musical Notre Dame De Paris.
Quando lo ho visto un po' di tempo fà su Rai Uno mi sono emozionata...mi è piaciuto moltissimo!!!Devo ammettere che Lucia però mi è sembrata troppo estroversa in alcune scene e lei nel libro e invece molto timida e timorosa. Comunque vi metto un video che ho recuperato da YouTube...Buona Visione e fatemi sapere come vi sembra!!!


Nessun commento:

Posta un commento

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)