mercoledì 29 febbraio 2012

Recensione: LA DISCESA DEI LUMINOSI di Provenzi-Loiacono

È il 2012, anno dell'Apocalisse, quando tra le calli di una romantica Venezia si aggira un ragazzo biondo, così bello da non sembrare umano. Jude Byron è un abitante di Aurora, un pianeta di luce popolato da esseri superiori simili agli dèi, chiamati Luminosi. È stato mandato sulla Terra dal padre, Damien, per distruggere un antico codice Maya, l'unico documento esistente in grado di salvare l'umanità dalla catastrofe che è stata profetizzata. Ma giunto in mezzo agli umani e costretto a vivere tra loro, Jude scopre, suo malgrado, un sentimento più potente di qualunque impulso abbia mai provato: l'amore. Comprende così che dalla sua scelta dipende il destino dell'umanità, a cominciare da quello di Viola, la ragazza di cui si è innamorato. Le forze in gioco però sono molte e Jude non può sapere se il suo amore basterà a salvare il mondo dalla distruzione.
Ilenia Provenzi e Francesca Silvia Loiacono sono grandi amiche e lettrici appassionate di romanzi YA. La Discesa dei Luminosi è il loro esordio narrativo.

PARERE PERSONALE:


Mi dispiace ma questa volta non posso dire di aver apprezzato completamente un libro pubblicato dalla Giunti Y. Di solito apprezzo le loro pubblicazioni. L'uscita di cui sto parlando è nuovo young adult delle nuove autrici appassionate del genere, Ilenia Provenzi e Francesca Silvia Loiacono. Il suo titolo è L'Ascesa dei Luminosi.

Le premesse c'erano tutte. Un inizio incoraggiante con il giusto tocco di mistero che invita il lettore a proseguire nella lettura senza mai staccare gli occhi dalle pagine di carta. La Discesa dei Luminosi è un romanzo young adult ambientato fra l'Italia e il Messico che ha come filone principale la misteriosa profezia dei Maya  e un codice ritrovato, il Codice Villanon, che profetizza la fine del mondo verso la fine del 2012. Fin qui tutto bene, Poi...

Quello che mi ha un po' stuccato di questo libro sono stati i personaggi che non sono riusciti a coinvolgermi fino in fondo, li ho trovati un po' superficiali e stereotipati. C'è Danielle, la ragazzina viziata proveniente da un'altra realtà incapace di accettare una delusione d'amore e che all'improvviso diventa gelosa e pericolosa minacciando di distruggere il mondo intero, c'è Jude, bello da morire, con un dono e una missione, giunto sulla Terra però si innamora dell'unica ragazza sulla quale i propri poteri non funzionano, questa è Viola, ragazza dal passato doloroso intenta a scrivere la propria tesi di laurea su un misterioso codice il cui ritrovamento è costato la vita a sua madre, indomita archeologa, c'è Lisa, la migliore amica di Viola, ella nasconde un segreto che potrebbe minacciare la loro amicizia, c'è Dimitri, ragazzo super conteso innamorato di Lisa, c'è Sara, sorella di Dimitri e costretta sulla sedia a rotelle da una malattia, la ragazza è la figlia di una sciamana e reciterà una parte fondamentale nella profezia che potrebbe portare alla fine del mondo voluta da un'arrabbiata specie di divinità che ce l'ha con gli umani per la loro estrema crudeltà.

Dei personaggi che vi ho sopra elencato Jude, Danielle e Lisa fanno parte di una specie proveniente da Aurora, un pianeta che si trova in un'altra realtà rispetto alla nostra. Lo scopo dei primi due è quello di recuperare il codice che il loro padre ha nascosto sulla Terra e che potrebbe contenere il segreto per salvare la Terra dalla distruzione.

Avendo letto molti libri del genere ammetto di essere molto esigente al riguardo e questo non è proprio riuscito a soddisfarmi nonostante la fluidità della scrittura delle due autrici. Il libro infatti si legge anche in un pomeriggio. Detto ciò...questo libro non mi ha proprio entusiasmato tanto.


Stelline: due stelline e mezza.

Voi lo avete letto? Che ne pensate?

lunedì 27 febbraio 2012

Nuove dalla Mamma Editore !

Due nuovi romanzi per la Mamma Editori. Queste nuove uscite sono: Apocalypse Kebab di J. Tangerine e Un Nido di Terra per la Donna di Cristallo di Margaret Gaiottina. Entrambi hanno trame molto interessanti e sono stati scritti da due scrittrici che fanno parte della Bloody Roses Secret Society.

PAGINE: 320
PREZZO: 9,80 Euro

È una Praga impazzita, soglia tra passato e futuro, il luogo prescelto dagli Esterni per fare ritorno, potenti e pericolosi, più temibili di quelli che giunsero ai tempi di Golem e Gargoyle. 
Alexandra non ha l’aspetto guerriero che vive nel suo nome: minuta, consegna kebab a domicilio a bordo di un rottame che definisce pomposamente scooter. I suoi giovani occhi già troppo hanno visto e troppo hanno sofferto per sollevarsi da terra. Forse per questo evita la voragine che si è aperta davanti al  catorcio lanciato al massimo.  Alex, guardiana della frontiera orientale del continuum spaziotemporale, si china sul cratere e annusa il cielo.
Inizia per lei una battaglia senza esclusione di colpi contro l’invasione  e contro il terribile Arconte, mostro senza tempo che sa entrare nell’anima.
Forse anche in quella di Alexandra.



J. Tangerine, dottoressa in Lettere, è appassionata di arti marziali, pittura barocca e cinema horror. Scrittrice di racconti underground, è la penna di maggior raffinatezza della Bloody Roses Secret Society,  club di romanzieri che scrivono con il sangue. Il suo Porcaccia, un vampiro, firmato come Giusy De Nicolo e pubblicato in questa stessa collana, ha ottenuto positivo riscontro di critica e di pubblico.






PAGINE: 320
PREZZO: 9,80 Euro

Ricevimento presso la Crossbow Fashion, il jet set della città eterna… e in mezzo lei: sandali di strass, seno esuberante, occhi di ghiaccio e labbra scarlatte.  Non è una visione ma Dorinda Martini, “Icy”, per  quei pochi che possono permetterselo. Scettica, in qualità di responsabile finanziario della Crossbow,  riguardo all’evento della serata: l’acquisto della mitica coppa dell’immortalità appena fatto da mr. Crossbow.  “Una mania del vecchio” pensa Icy. Ma sbaglia. Per appropriarsene un rapinatore gigantesco e sinuoso spunta dal nulla e stende tre guardie armate. Ma la vista di Icy lo blocca, esita, e questo gli costa la vita. È così che Icy si troverà tra tombe e sedute spiritiche e che, occhi color tabacco e pelle che profuma di cedro, l’archeologo Anghelos Dimiatridis sarà disposto a tutto per concludere la missione, perfino tornare dall'inferno.


Che ve ne pare?

Dal 28 Febbraio in Libreria: DARK KISS di Sarwat Chadda

Uscirà fra pochissimi giorni per la Mondadori (il 28 Febbraio) il secondo capitolo della Trilogia Young Adult Billi SanGreal scritta dall'autore Sarwat Chadda. Dopo Devil's Kiss a giorni potremo leggere Dark Kiss.

PAGINE: 346
PREZZO: 17,00 Euro

In Devil's Kiss Billi SanGreal, l'unica ragazza ammessa fra i templari, aveva sconfitto gli angeli caduti. Ora si trova a combattere un nemico non meno potente: Baba Yaga, la dea-strega che riemerge dalla più tenebrosa mitologia russa. Tutto comincia quando la giovane guerriera salva dai licantropi la piccola Vasilisa, e le si affeziona. Vasilisa è un Oracolo, e per lei la coraggiosa templare è disposta a fare qualsiasi cosa. Quando verrà rapita dai mostruosi adepti della dea per essere immolata, Billi seguirà le sue tracce fin nella più remota steppa anche a rischio di trasformarsi lei stessa in un licantropo. Mentre in tutto il pianeta segnali inquietanti annunciano l'arrivo dell'apocalisse, Billi deve affrontare non solo avversari disumani e una potentissima divinità, ma anche un dubbio, sempre più dilaniante: qual è, davvero, la cosa giusta da fare?


Sarwat Chadda, dopo aver lavorato quasi vent'anni come ingegnere e aver viaggiato in tutto il mondo, ha deciso di dedicarsi alle sue grandi passioni: la storia e la narrativa. Grazie alla calorosa accoglienza che la critica e i lettori hanno riservato a questo romanzo d'esordio, oggi vive a Londra e scrive a tempo pieno.

Che ve ne pare?

sabato 25 febbraio 2012

Al Libro! Al Libro! (Segnalazioni Libresche): L'Ombra delle Rose di Daniele De Stefano e Un Incontro d'Amore di Antonio Capolongo

Nuovo giorno, nuova puntata della rubrica dedicata alle segnalazioni libresche su questo blog. Questo giorno vi segnalo due libri, il primo si intitola L'Ombra delle Rose e l'autore che lo ha scritto è Daniele De Stefano. La casa editrice che lo ha pubblicato è il Gruppo Albatros. Il secondo romanzo si intitola Un Incontro d'Amore di Antonio Capolongo ed è stato pubblicato da Arduino Sacco Editore di Roma.

L'OMBRA DELLE ROSE di DANIELE DE STEFANO
PAGINE: 224
PREZZO: 16,50 Euro

Francia 2008. Il comandante Dumont della polizia di Nantes, non immagina di essere tra i pochi che potranno conoscere la verità su una efferata serie di delitti che sconvolsero la città centocinquant'anni prima, delitti che nei decenni hanno alimentato la leggenda dell'ombra delle rose. Comincerà ad indagare con l'aiuto del professor Giovanni Marelli, un italiano esperto di leggende metropolitane, cercando di risolvere il mistero, accontentandosi anche di trovare un colpevole ormai defunto.
Le loro ricerche verranno però scombussolate dall'arrivo di Damien, un uomo misterioso che dichiara di aver vissuto quei sanguinosi periodi. 
Le sue parole cominceranno ad essere dubbie, come misteriosa comincerà ad essere la sua longevità. 

Tuttavia i due investigatori si lasceranno trasportare dalla "melodia" delle sue parole, scoprendo quel mistico segreto che gli ha permesso di sopravvivere fino ai giorni nostri e capendo il motivo di tutti quegli omicidi e perchè, a quei cadaveri, veniva lasciata tra le mani una rosa nera, come segno di gratitudine. 
Ma nelle parole di Damien c'è dell'altro: la ricerca della sua amata!! 

La sua storia d'amore con la contessina Chanel, tormentata sin dall'inizio perchè promessa ad un potente nobile locale, si rivelerà la chiave della sua salvezza dal mondo dell'ombra.


Daniele De Stefano, nato a Reggio Calabria il 23 settembre del 1986, iniziò la stesura di questo libro poco dopo la fine delle superiori; poi venne abbandonata per essere ripresa qualche anno dopo, nel 2007, con maggiore entusiasmo e fiducia in se stesso. Il libro cambia varie volte titolo: dalle notti della rosa alle rose insanguinate fino ad arrivare a quello finale: l'ombra delle rose. L'autore compie un lavoro di accurata 'limatura' per circa un anno, arricchendo il racconto con particolari pieni di pathos, rendendolo così fitto e conciso. E' così che Daniele De Stefano esordisce nel mondo della letteratura e proprio come quella rosa incide la vita di Damien così l'ombra della rosa incide la vita dell'autore.

Una piccola presentazione del libro ...

Da L'Ombra delle Rose, un thriller/fantasy emozionante: "forte e teso come il profumo delle sue rose" 
Un libro adatto a tutti gli amanti del genere, sopratutto per chi apprezza lo stile gotico: dove l'amore si mischia al surreale!! 
Un romanzo che ha il potere di condizionare chi lo legge, facendoci sognare con i protagonisti. 
Un romanzo speciale, che dona un "tocco" di mistero alla nostra quotidianità!!!!

UN INCONTRO D'AMORE di ANTONIO CAPOLONGO
PAGINE: 150
PREZZO: 14,90 Euro

Perché spezzare un fiore mentre sta nascendo? 
Erano trascorsi solo nove giorni da quando Sofia e Marcello si erano dati il primo bacio… si erano dichiarati eterno amore, che accadde un evento del tutto inaspettato. 
Sofia comunica a Marcello che non è più possibile che si vedano: «Noi due non possiamo più né vederci né sentirci». Lui la implora di incontrarlo ma lei è irremovibile. 
Marcello è in preda alla disperazione, per tutta la notte cerca, invano, di mettersi in contatto con lei mentre vaga per le strade della città.
 Non riesce a trovare alcun nesso logico. Quale motivo può spingere una donna, innamoratissima, ad allontanarsi dall’uomo al quale ha dichiarato eterno amore, e dal quale riceve un amore estatico di rara intensità?
 Marcello saprà, solo dopo, “chi ha spezzato quel fiore”, chi li ha divisi.
 La mano che osò fare un tale gesto fu quella di Viviana, la sorella maggiore di Sofia. Viviana, grazie al suo forte ascendente sui genitori, riesce ad ottenere una vera e propria reclusione per l’inerme Sofia, costretta non solo a vivere lontana dal suo Marcello, ma anche a subire angherie ignobili. Viviana, infatti, superando ogni immaginazione, obbligherà Sofia a “ritornare” sul vecchio sentiero della sua vita.
 Questo appena raccontato è l’episodio centrale del romanzo, da cui si snodano tutte, o quasi, le vicende dei due innamorati.
 Un incontro d’AmorE è un romanzo d’amore, di libertà e di lotta. Quest’ultimo argomento diventa, in questa storia, propedeutico agli altri due. Sofia e Marcello si ritrovano a lottare, loro malgrado, contro i pregiudizi, le convenzioni sociali e i retaggi culturali che emettono, quasi sempre, sentenze senza possibilità di appello.

Antonio Capolongo è nato a San Paolo Bel Sito, in provincia di Napoli, nel 1968. E’ laureato in Economia e Commercio e lavora presso una società per azioni ma il percorso “logico” non ha occupato tutta la sua vita… La passione per la scrittura affiora in lui nell’anno 2007, quando incomincia a dedicarsi sia alla prosa che alla poesia. Riguardo a quest’ultima, sin dal primo approccio, rimane affascinato dal verso endecasillabo. Ha composto infatti vari sonetti, alcuni dei quali presenti in diverse antologie poetiche.

Che ne pensate?

Recensione a cura di Luigi Francesco Clemente: INTRODUZIONE AL MONDO.NOTIZIE MINIME SOPRA GLI SPACCIATORI DI FELICITà di Idolo Hoxhvogli

Avendo udito da certi scienziati che il mondo manca di profondità, venditori e fabbricanti di oggetti si proposero allora di ricoprirlo. Detto fatto, la superficie fu pavimentata, riempita di cose e disseminata di altoparlanti. “Città dell’allegria”, venne chiamata. Liete del baccano, che impediva di sentire alcunché, masse ebeti di umani presero ad accalcarsi. Alcuni per comprare, altri per guardare, altri solo per applaudire. Il peggio venne quando, abbagliati da un sorriso di bocca, i più scelsero come sindaco il padrone degli altoparlanti.  Venuto da un oltremare antico, lo sguardo fisso, tutto questo vide, il viaggiatore; e volle informare il mondo che il dritto ha sempre il suo rovescio; e il mare, sempre un’altra sponda. Una scintillante fenomenologia del presente e dei suoi impazzimenti osceni; una caustica esplorazione del pensiero breve e del comunicare banale; una scrittura densa e guizzante; una denuncia mite e spietata.


Idolo Hoxhvogli è nato a Tirana nel 1984. Si è formato negli studi filosofici all’Università Cattolica di Milano. Suoi scritti sono presenti in numerose riviste italiane e straniere, tra cui «Gradiva International Journal of Italian Poetry» (State University of New York at Stony Brook) e «Cuadernos de filología italiana» (Universidad Complutense de Madrid). Ricordiamo, in particolare, Il porto somma la terra al mare, «Viola» (Svizzera), n. 8 (2010). Post mortem Bettino Craxi, «Sìlarus», n. 271 (2010). Da quando è nato percorre strade a senso unico.

RECENSIONE A CURA DI LUIGI FRANCESCO CLEMENTE:



Già presente in numerose riviste italiane e straniere, con Introduzione al mondo. Notizie minime sopra gli spacciatori di felicità (Scepsi & Mattana Editori, Cagliari 2012), Idolo Hoxhvogli, classe '84, giunge alla sua opera prima. Si tratta di un libro di racconti e prose brevi, dal registro allegorico e grottesco, che tradisce una maturità compositiva inedita e, per certi versi, in controtendenza col panorama letterario italiano degli ultimi anni – panorama cui calza perfettamente quanto l'Autore dice del romanzo di successo, che è «un po' radical, un po' chic, a volte radical-chic. E' attento al sociale mentre strizza l'occhio ai potenti. Usa un linguaggio politicamente scorretto, ma in maniera corretta».
Proprio la questione del linguaggio può rappresentare un'utile chiave di lettura per avvicinarsi a un libro come questo. Come è possibile dire, con verità, una realtà integralmente falsa? Come dire veramente il falso? Quale parola può dire adeguatamente, ovvero senza velleità moralistiche o retoriche, un mondo capovolto – quello, tanto per esser chiari, del godimento autistico e della speculazione finanziaria?
Prendiamo la prima parte del libro: La città dell'allegria (le altre due sono La civiltà della conversazione e Fiaba per adulti). Vi si narra la “storia” di una città «piena di altoparlanti che gridano “Allegria”», a ogni ora del giorno, a ogni istante e in ogni luogo, nelle strade, dentro e fuori i negozi, alle finestre delle case; megafoni fortemente voluti dal sindaco Bunga, convinto che  grazie ad essi avrebbe finalmente offerto la felicità ai suoi concittadini. Ma a forza di moltiplicare gli altoparlanti, «è giunta l'assuefazione, tanta che l' “Allegria” lo sentono soltanto i forestieri in un fragore confuso». Dalla città vicina giunge, perciò, uno straniero, che «si avvicina come un lesto gatto a un megafono a caso” e, per il gran fragore, ne è buttato fuori. Ma non è solo il forestiero a mettersi alla volta della città dell'allegria. Ci prova anche la Legge. Arrivata al palazzo del governo, si trova davanti un maiale che le sbarra l'ingresso avvertendola che è solo «il primo tra i novecentoquarantacinque maiali a guardia del palazzo”, cosicché al suo posto entrerà una signorina che vuole lavorare in televisione. C'è poi chi, come Leo, scrive inutilmente al sindaco perché faccia rimuovere il megafono che, posto dov'è, proprio fuori del suo balcone, gli ha tolto quel sonno necessario a curarsi dell'allegrite, «pericolosissimo morbo che percuote pochi sfortunati». C'è solo un modo, tuttavia, per guarire davvero da questa malattia. Si chiama Introduzione al mondo, un potente farmaco grazie al quale è possibile «non sentire più nulla» e vivere «una vita normale, senza controindicazioni», al riparo dall'«eccesso d'anima», che «conduce a una lenta e progressiva paralisi della vita, il non riuscire a far nulla».
Ora, dopo aver letto questa ricostruzione della prima parte del libro, non vi resta che dimenticarla. Perché si tratta proprio di una “ricostruzione”, di una ricomposizione di frammenti allergici alla sintesi, un'operazione esterna al testo – in altre parole: la sua neutralizzazione in una “lingua corretta”. Quella di Hoxhvogli è, infatti, una scrittura breve, ricca di immagini dialettiche, sempre al limite dell'assurdo e del grottesco, in cui si sente risuonare la lezione di autori come Kraus, Benjamin o Kafka – lezione stilistica e, soprattutto, conoscitiva. Come nel caso del Piccolo saggio sugli altoparlanti, un vero e proprio manualetto tecnico, con tanto di diagrammi e formule, per comprendere perché «la nostra città si fonda sull'altoparlante». Oppure si pensi a testi come Popoli e altri animali, Il noi, L'altro, Il guardone, al limite del saggio filosofico, dove i concetti – il “noi” e l'“altro” – diventano attori, personaggi di una messa in scena senza conciliazione né sintesi: «Il noi è morto e l'altro non l'ha scampata» .
Nella seconda parte del libro questa istanza conoscitiva refrattaria alla sintesi si fa addirittura fenomenologia del tempo presente e dei suoi orrori quotidiani, grazie a una galleria di mostri e figure più o meno umane, passate attraverso una lente allucinata e deformante che, lungi dallo sfigurarle, le consegna alla loro verità. Qui, trattandosi della civiltà della conversazione, tutto prende voce, dalle persone alle cose, a intonare un monologo del disordine in cui le parole sembrano aver preso il posto delle cose e delle persone:  «In piazza un uomo gioca da solo a conversazione. Recita le due parti necessarie al dialogo. Finge di salutare. “Come sta?”, chiede. Si spoglia e riveste. Gira la testa e strizza l'occhio. “Bene”, risponde».
Hoxhvogli non nutre alcuna vicinanza per le situazioni e i soggetti che rappresenta; nella sua prosa non c'è compassione né pietà, ma disprezzo e rifiuto. La civiltà della conversazione, sembra dirci l'Autore, è, alla fin fine, la civiltà del letame – spacciato per cibo, ovviamente: «Un uomo, credendo si tratti di cioccolata, si getta a fauci spalancate su di un cassone, invece pieno di letame. Mangiando, si accorge che non è cioccolata, ma così c'è scritto e pensa: “Ben venga”. Un secondo uomo vede il primo ingozzarsi, scorge il cartello Cioccolata, e si unisce al primo».
E, più avanti, proprio il letame viene individuato come il rovescio osceno dello spettacolo, quella chier spectaculaire al centro di una esilarante selezione televisiva che vede scontrarsi «un intellettuale e il prestante Ano. Il confronto sviluppato nella sede legale non stabilì alcuna supremazia. L'intellettuale prevaleva negli argomenti degni di nota, il vigoroso Ano era imbattibile in tutto il resto». Alla fine, dopo mesi di accurate ispezioni, Ano – vi lasciamo immaginare come – vince il provino e garantisce alla trasmissione il pieno d'ascolti: «Il picco di chier arrivò durante un confronto sulla capacità dei media di migliorare la società. Cercando di proferire parole ponderate, Ano fu colto da un brusco attacco di tosse petodefecante. Le telecamere vennero travolte dal letame. I telespettatori aprirono sorpresi la bocca bramosa».
E' così che dove viene strappato un qualche sorriso, si tratta di un misto di amarezza e vergogna per le vicende narrate e, forse, anche per noi che leggiamo, giacché l'assurdo rappresentato è anche il nostro assurdo quotidiano. Qualche esempio: «Ha un sorriso per tutti i giorni e uno per la festa. Quello di tutti i giorni l'ha preso al discount. L'altro, il sorriso che indossa nelle occasioni speciali, in una boutique […] La sua gamma di sorrisi soddisfa l'arco di relazioni con l'altro. Quando è con se stesso e l'altro è lo specchio di fronte, non sorride» (I sorrisi del capitano Polvere Bagnata); «Ho incontrato un tale che rapina quotidianamente il prossimo. Credo fosse dipendente pubblico o banchiere. L'ho incontrato in libreria. Chiedeva un euro di sconto su un capolavoro, L'uomo senza qualità» (Conversazione 5). «All'inizio sembrò una disgrazia. Quando il giornalista aggiunse che si trattava di stranieri, mio padre, inizialmente scosso, tirò un sospiro di sollievo: “Ah”. Come a dire: “Ora capisco”. Erano stranieri. Che ci facevano degli stranieri a quell'ora? Deve aver pensato che se l'erano cercata. “Meglio così”, come mio padre, esclamarono in molti sulle tavole da pranzo. “Meglio così”: questa esclamazione, però, non uscì dalla televisione, come la notizia: “Cinque giovani morti in un impatto tra vetture”» (Conversazione I).
Ben diverso è il registro della terza parte del libro, dove il grottesco cede il posto al tragico e la fenomenologia delle situazioni fa spazio alla descrizione delle singolarità, dal topolino Chubby alla bambina Allegra. Quella narrata è una fiaba per adulti – «la storia abortita di un piccolo cadavere» – che mette la parola fine una volta per tutte alla città dell'allegria, e non perché minacciata dalla malinconia o dall'eccesso d'anima, sentimenti ancora in qualche modo neutralizzabili, ma per ragioni molto più radicali e terribili, in cui la vita e la morte finiscono per coincidere, come se l'iniziazione al mondo degli «spacciatori di felicità», opinionisti politici economisti predicatori di ogni sorta o colore, fosse – in ultimo – un solco scavato dagli adulti nel grembo di una vita innocente, la ferita insanabile di un'esistenza macchiata di sangue.

giovedì 23 febbraio 2012

Dal 7 Marzo in Libreria: L'EREDITà DI JENNA di Mary E. Pearson

Il 7 Marzo uscirà in libreria per la Giunti, nella Collana Y, il sequel del romanzo distopico di Mary. E. Pearson, Dentro Jenna ( lo ho recensito QUI). L'Eredità di Jenna. Potete leggerne un'anteprima qui e la Giunti Y vi da una bellissima opportunità di vincerne tre copie collaborando con loro per la creazione del book trailer del libro (clicca qui per saperne di più).

PAGINE: 448
PREZZO: 14,50 Euro

Jenna, Kara e Locke, tre amici inseparabili, tornando da una festa rimangono uccisi in un terribile incidente. I loro corpi non possono essere salvati ma le loro menti vengono tenute in vita e intrappolate in un computer. Jenna è la prima a risvegliarsi con un corpo artificiale grazie a un esperimento di biotecnologia avanzata. Kara e Locke invece vengono dimenticati e rimangono in un lunghissimo limbo dove esistono solo i loro pensieri e i loro sentimenti. Passano gli anni e poi i secoli e finalmente Locke e Kara si trovano di nuovo nelle loro sembianze, riprodotte in laboratorio. Ma il mondo in cui si risvegliano è un luogo estraneo dove tutto e tutti quelli che conoscevano sono ormai scomparsi. Tutti tranne Jenna Fox.

Info sul concorso lanciato dalla Giunti Y:

Ma adesso veniamo a noi.
Sappiamo quanto siete creativi e vi lanciamo una sfida: il booktrailer originale di “L’eredità di Jenna” (lo potete vedere a questo link) non ci sembra all’altezza della potenza del romanzo.
E’ una sfida difficile che richiede delle competenze che forse molti di voi non hanno. 
E' per questo che vogliamo lavorare insieme a voi per creare un booktrailer più....‘figo’.
Accettiamo suggerimenti per immagini, musica e testo, o piccole porzioni di video. Date sfogo alla vostra creatività: non importa saper usare Photoshop, usate penne, pennarelli, matite, e il cellulare! 
Macchina fotografica, telecamera, PowerPoint e qualsiasi altra cosa vi venga in mente…
Perché lo dovreste fare? Perché è divertente e perché sicuramente vi regaliamo qualcosa. 
3 copie del libro in assoluta anteprima ai più solerti e creativi. 
Come sempre la scelta sarà a insindacabile giudizio della redazione Y. 
Il libro esce in tutte le librerie il prossimo 7 marzo perciò aspettiamo il vostro materiale entro
mezzogiorno del 29 febbraio.

Mi sorride con due occhi freddi come il ghiaccio. Non riesco a smettere di fissarla, ma so che sarebbe la cosa migliore da fare. Non riesco a smettere di fissarla perché lei ha un vantaggio su di me. Non riesco a smettere di fissarla per una ragione che lei conosce fin troppo bene. Perché la amo. Lei è tutto quello che ho.
Mary E. Pearson è un'autrice pluripremiata di romanzi YA. Fra le sue opere troviamo The Miles Between , Scribbler of DreamA Room on Lorelai StreetDentro Jenna è in corso di traduzione in molti paesi esteri come Francia, Germania, Olanda, Giappone, Cina, Polonia, America Latina, Corea, Inghilterra, Francia, Spagna. Dentro Jenna è il suo secondo romanzo, del quale sta per uscire il sequel , The Fox Inheritance.

Che ve ne pare? Io non vedo l'ora di averlo fra le mie mani!

Recensione: MOON DANCE di J.R. Rain

Moglie, madre, investigatrice privata e... vampiro. Fino a sei anni fa, l'agente federale Samantha Moon era la perfetta mamma americana con una monovolume parcheggiata davanti a casa. Ma qualcosa di incredibile le ha stravolto la vita. Adesso non sopporta la luce del sole, deve indossare sempre occhiali scuri, dormirebbe tutto il giorno mentre di notte è vispa, affamata e fredda come un rettile. Per tutti soffre di una strana malattia della pelle, ma la verità è un'altra. E ora, nella sua nuova attività di investigatrice privata, è alle prese con un caso alquanto intrigante: chi ha tentato di uccidere con cinque colpi in testa - ma invano! - Kingsley Fulcrum, l'affascinante cliente a cui di tanto in tanto, soprattutto con la luna piena, sfugge un latrato? Tra un marito impietrito dalla sua repellente metamorfosi, e un cyber amico a cui ha confidato tutti i suoi segreti, l'unica speranza che Samantha Moon ha di tornare come prima è un misterioso medaglione dai poteri magici. E questo è solo l'inizio...

J.R. Rain, ex investigatore privato, è ora scrittore a tempo pieno. Oltre ad aver pubblicato romanzi mystery e racconti, è autore di sceneggiature per Hollywood. A.A.A. Vampiri offresi, di cui Moon Dance è il primo volume, ha venduto solo sul web più di due milioni di copie.

PARERE PERSONALE:

Moon Dance è il primo e appassionante capitolo della Serie A.A.A. Vampiri Offresi scritta dall'ex investigatore privato americano J.R. Rain. Protagonista di questa nuova serie sui vampiri è Samantha Moon, mamma, moglie, investigatrice privata e ... vampira! Eh si, perché sei anni prima dell'inizio di questa avventura Samanta ha subito una terribile aggressione dalla quale è uscita profondamente trasformata. Ha dovuto lasciare il lavoro, il Dipartimento per l'Edilizia e lo Sviluppo Urbano, perché questa sua nuova condizione non le permette di esporsi ai dannosi raggi solari, ha dovuto modificare la sua dieta perché il suo corpo non le permette di ingerire niente che non sia sangue e nonostante questa sua nuova condizione le abbia portato anche numerosi vantaggi quali la super forza e la vista notturna, la vita di Samantha è ormai profondamente sconvolta. Grazie ai suoi nuovi super poteri e ai sensi super sviluppati Samantha ha deciso di intraprendere la carriera di Investigatrice Privata.

Oltre a tutto questo Samantha è anche una madre dedita ai propri figli, una super mamma che si destreggia tra i calzini puzzolenti del figlio Anthony e i compiti della figlia Sammy e che nel corso del romanzo si troverà a dover fronteggiare il marito, Danny, che a causa della sua situazione glieli vuole portare via. Fra insicurezze e notti passate a chattare con il suo amico virtuale, Zanna, Samantha si trova a dover indagare su un caso molto particolare, un caso che coinvolge l'affascinante avvocato Kingsley Fulcrum. Mr. Fulcrum vuole sapere il nome di colui che gli ha sparato nove colpi di pistola dritti alla testa. Proprio mentre ormai è giunta alla soluzione del complicato caso Sam viene braccata anche da un  misterioso cacciatore che la metterà alla prova facendole scoprire la sua vera natura ...

Ho letto Moon Dance in pochissimi giorni faticando sempre di più a staccarmi dalle sue pagine trovandovi non la solita storiella che coinvolge i vampiri ma un nuovo punto di vista sull'argomento, quello della mamma vampira. Come diceva l'autore nella dedica del libro,che lo dedica a tutte le mamme del mondo, spesso queste non vengono celebrate nonostante siano ,con la loro incredibile forza, le nostre eroine. Non dobbiamo cercare molto lontano se vogliamo trovare un eroe, non dobbiamo necessariamente andare in capo al mondo, basta guardare le persone che ci circondano e lo troveremmo vicino a noi. Questo libro oltre a parlare dell'incredibile avventura di una vampira investigatrice parla anche delle sfide quotidiane che le mamme devono affrontare per far si che i propri figli vivano felici e questa è una ragione in più per cui lo ho apprezzato. 
Tutto questo rende il romanzo una piacevole, grazie allo stile  molto spiritoso e fresco di Rain, e originale lettura che cattura l'attenzione del lettore fino all'ultima  pagina e lo rende partecipe del mondo di Samanta Moon. Detto ciò, spero di poter leggere presto il seguito di Moon Dance per conoscere le future avventure della nostra eroina.

Consigliato? Si!

Stelline: 

lunedì 20 febbraio 2012

Dal 1 Marzo in Libreria: LE OMBRE DEL DEMONE di Eve Silver

Ritorna la Serie Demon che ha affascinato migliaia di lettrici, viene pubblicata dalla Leggereditore che ha lanciato il primo volume al prezzo di soli 5,00 Euro ed è scritta dalla amata scrittrice Eve Silver (se vi ricordate ha pubblicato titoli interessanti anche con la Harlequin). Dopo Il Bacio del Demone arriva in Italia il 1 Marzo il romanzo Le Ombre del Demone ...
PAGINE: 368
PREZZO: 10,00 Euro

L’antropologa forense Vivien Cairn teme di aver perso la testa per sempre. La sua libido è fuori controllo e il desiderio la rende cieca, tanto da provocarle una sorta di amnesia temporanea. Sarà l’intervento di un estraneo terribilmente sexy a farle realizzare che in gioco c’è molto di più della sua sanità mentale. E mentre un killer spietato miete una vittima dopo l’altra, e Dain Hawkins si fa strada tra piste indecifrabili e coincidenze troppo evidenti per essere ignorate, i due capiranno che forse i crimini che imperversano sono collegati agli strani comportamenti della donna. Ma questo non scoraggia Dain, che vorrebbe spingersi oltre con Vivien, e così lei dovrà confrontarsi con il peggiore dei suoi incubi, ma anche con una passione sconosciuta e senza limiti che riscriverà per sempre il suo destino. Cos’è più insidioso, l’oscurità di un demone o il terrore di perdersi fra le braccia dell’amore privo di freni?
Si sentiva soverchiata, esausta, nonostante la notte di sonno, e spaventata. Tutto quello che aveva nella sua vita era andato, le sue convinzioni sul mondo, la sensazione di sicurezza e di successo, la sua casa, forse persino la sua sanità mentale.In qualche modo, fra la sua casa rasa al suolo dalle fiamme e la sconvolgente notizia che una parte del mondo era popolata di demoni e stregoni, le era stata somministrata una doppia dose della cosa che le sfuggiva da mesi.Il suo problemino non era scomparso, anzi, peggiorava. La terribile verità era che, due notti prima, si era estraniata per dodici ore e le era successo di nuovo il giorno precedente, mentre Dain era fuori. Le ore antecedenti la mezzanotte erano per lei il buio completo. Quando si era ripresa si era ritrovata nel foyer dell’attico di Dain, con il portone spalancato e un graffio lungo e profondo sul braccio. Aveva i piedi nudi e gelati come se avesse camminato sulla neve senza scarpe.

Eve Silver ha letto il suo primo romanzo rosa quando era appena adolescente. Da allora è rimasta affascinata dalle storie d’amore piene di passione, forza, perseveranza e onore, storie che l’hanno accompagnata durante tutto il suo percorso. Ora insegna microbiologia e anatomia umana in un istituto superiore. Quando esce da scuola torna ai romanzi rosa, e alla vita familiare, coronata anch’essa da un lieto fine, come tutte le più belle storie romantiche. Nel 2011 Leggereditore ha pubblicato con grande successo Il bacio del demone, primo romanzo della serie Demon.

venerdì 17 febbraio 2012

Al Libro! Al Libro! (Segnalazioni Libresche): LA CASA DI GAIA di Fortuna della Porta

 Nuova puntata di questa rubrica piena di news e segnalazioni libresche dedicate al mondo degli autori emergenti e non solo. Questa volta vi voglio segnalare un libro che può essere scaricato gratuitamente dalla rete e che è stato scritto da Fortuna della Porta, La Casa di Gaia. Non avendo trovato una trama da trascrivere sotto la copertina ho pensato di riportarvi il commento di Chiara Crescenzo.

La narrativa moderna cammina quasi sempre con le parole del giallo e del poliziesco. E poi, d’improvviso, compare una storia come questa, narrata in leggerezza, che ha i tratti del sentimento e del romanticismo. La narrazione ci riporta ad un tempo andato, quando la vita era misera e gli orizzonti angusti, con taglio che in qualche passaggio somiglia alla favola.I personaggi e i paesaggi sono disegnati a colori intensi, quasi con affetto, come se, di fronte alla durezza –diversa ma altrettanto implacabile- della vita moderna ci sia un luogo per ciascuno di noi dove i sogni si avverano e durano. 
Commento: Chiara Crescenzo 

Vi metto qui sotto anche i link dove potrete scaricare il libro:



Che ne pensate?

giovedì 16 febbraio 2012

Oggi in Libreria: IMMORTAL di Alma Katsu

Da oggi in libreria per la Longanesi il romanzo Immortal di Alma Katsu. Questa autrice è stata definita dal Cosmopolitan del Regno Unito come la Stephenie Meyer per gli adulti. Considerando che ho amato la saga di Twilight non posso che tirare fuori la penna e segnarmelo sulla mia lista dei desideri. Il fatto che l'autrice nella realtà sia una profiler della CIA mi fa sperare bene : ) Sfogliane qui un'anteprima.
PAGINE: 444
PREZZO: 17,60 Euro

È una freddissima notte invernale nel pronto soccorso dell’ospedale di St Andrew, nel Maine. Luke, giovane medico di turno, si ritrova davanti una ragazza atterrita, giovanissima e dalla bellezza eterea. Si chiama Lanny e ha appena ucciso un uomo, abbandonandone il cadavere nel bosco.Ma Lanny sostiene di averlo fatto su richiesta della vittima stessa e prega Luke di aiutarla a scappare. Quando Luke rifiuta, Lanny afferra un bisturi e si squarcia il petto nudo. Sotto lo sguardo atterrito di Luke, la ferita si rimargina da sé all’istante.Lanny è immortale, ha più di duecento anni e una storia incredibile da raccontare. È il racconto di un uomo ossessionato dalla bellezza e dal bisogno di possederla e di una donna travolta da un amore torbido, appassionato e mai ricambiato abbastanza.
Una storia che attraversa i secoli, un thriller storico di rara potenza.


Alma Katsu è nata in Alaska, ma è cresciuta in un piccolo paese del Massachusets, nella storica cittadina di Concord. È giapponese da parte di madre. Il suo scrittore preferito è Nathaniel Hawthorne e l’influenza di romanzi come “La lettera scarlatta” si riverbera in modo particolare ed evidente non solo nello stile, ma anche nei temi della sua scrittura. Immortal è il suo primo romanzo, ripresa si un racconto che scrisse molti anni fa.
Nella vita Alma Katsu è una profiler della CIA, mestiere che la ispira nell’indagine dei meandri, a volte oscuri, dell’animo umano.

Oggi in Libreria: DEATH DANCE di Laurell K. Hamilton

Certe volte non capisco proprio per niente le scelte dei titoli operate dalle case editrici italiane per le edizioni straniere. Posso capire se decidono di tradurlo in italiano purché lo mantengano attinente al libro ma perché mutarlo in un altro titolo straniero? Proprio questo non lo capisco, piuttosto lascia l'originale! Questa mia piccola osservazione personale è nata dall'osservazione del titolo originale del quattordicesimo libro (Dance Macabre) della Saga scritta da Laurell K. Hamilton dedicata alla super Anita Blake, Death Dance. Lo pubblica la Nord e proprio non riesco a capire perché abbia mutato il titolo.

PAGINE: 600
PREZZO: 19,60 Euro

Dopo mesi di scaramucce e agguati, finalmente Jean-Claude ha riportato l’ordine nella comunità di vampiri di St. Louis e, per dar prova del suo rinnovato potere, invita in città i più antichi Master d’America. Essendo la sua serva umana, Anita Blake dovrebbe aiutarlo a organizzare l’evento; invece è distratta da una minaccia più spaventosa di qualsiasi mostro abbia mai affrontato finora: un test di gravidanza. Positivo. E se – come teme – il padre fosse davvero Richard, lei sarebbe costretta a lasciare il suo pericolosissimo lavoro di Risvegliante, nonché i suoi amanti, per iniziare una relazione stabile con lui. Eppure, per quanto una simile prospettiva sia terrificante, Anita si troverà ben presto a fare i conti con uno degli ospiti di Jean-Claude, Augustine, che sta escogitando un piano per stregarla e convincerla a seguirlo a Chicago. Perché il bambino che lei porta in grembo erediterà sia la forza dei lupi mannari sia la magia dei vampiri e, grazie a lui, Augustine potrebbe realizzare il suo piano: diventare il signore assoluto di tutte le creature della notte…

Che ve ne pare?

mercoledì 15 febbraio 2012

W...W...W...Wednesdays (47)

Benvenuti  questo nuovo appuntamento con la rubrica W...W...W...Wednesdays creata dalla blogger del blog Should Be Reading. Per patreciparvi basta rispondere a queste tre domande...
  • What are you currently reading? (Cosa stai leggendo attualmente?)
  • What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
  • What do you think you'll read next? (Cosa pensi di leggere in seguito?)


Attualmente sto leggendo un po' di libri fra cui Figlio di Hamas di Mosab Hassan Yousef e La Discesa dei Luminosi di Provenzi-Loiacono. Ho appena finito di leggere Il Gioco della Seduzione di Susan Elizabeth Phillips (leggi la recensione qui).




E voi?

P.S. Domani aspettatevi un altro po' di anteprime e anche una recensione! Buonanotte a tutti!

Dal 17 Febbraio in Libreria: PORTRAIT di Joyce Lussu

Esce il 17 Febbraio per la casa editrice L'Asino d'Oro il libro Portrait di Joyce Lussu. Questo inaugura la prima collana di Narrativa della casa editrice che è stata chiamata Omero ed è diretta da Maria Gazzetti. Portrait è l'autobiografia della stessa autrice, Gioconda Salvadori.
PAGINE: 150
PREZZO: 12,00 Euro

L’ironica e spregiudicata autobiografia di una donna irriducibile: dalla Firenze degli anni Venti alla Heidelberg di Jaspers; dalla clandestinità, alla guerra antifascista; dall’incontro  con il patriota Emilio Lussu, alla ricerca di grandi poeti da tradurre, dal ’68, alle lotte femministe e a quelle  del popolo curdo e più recentemente ambientaliste. La storia di una donna che non voleva essere considerata speciale. Una donna vitale, intelligente, coraggiosa che, raccontando se stessa svela pensieri e passioni, denunciando, con una semplicità e immediatezza spesso disarmanti, verità enormi e problemi di tutti i giorni, sia politici che umani. Ecco una lettura dei fatti vissuti in prima persona che, con parole semplici e toccanti fa aprire gli occhi su realtà importanti e profonde: dal rapporto uomo-donna a quello genitori-figli. Attività politica, interessi personali, affetti, identità sociale, speranze concrete per il futuro: tutto questo era Joyce Lussu, senza mai perdere la sua vitalità, il suo entusiasmo, il suo pensiero e la sua ricerca personale, mai come ora un vero punto di riferimento per tutti.

Joyce Lussu, ovvero Gioconda Salvadori, nasce a Firenze l’8 maggio 1912, da genitori marchigiani con ascendenze inglesi. Insieme al fratello entra a far parte del movimento "Giustizia e Libertà" e nel 1938 incontra Emilio Lussu, con cui condivide la drammatica e spericolata vicenda della clandestinità nella lotta antifascista. Vive da protagonista i primi passi della Repubblica Italiana; promotrice dell’Unione Donne Italiane, milita per qualche tempo nel Partito Socialista Italiano e nel 1948 entra nella direzione nazionale del partito. Muore a Roma il 4 novembre 1998, all’età di 86 anni.

Che ve ne pare?

Dal 24 Febbraio in Libreria: IO NON SONO UN SERIAL KILLER di Dan Wells

Ritorna la Fazi con una nuovissima uscita alla Dexter (per chi non lo sapesse Dexter è una serie televisiva che ha come protagonista un serial killer) di un autore, Dan Wells,che con questa uscita vede la pubblicazione del suo romanzo d'esordio che inaugura una nuova trilogia che ha come protagonista il giovane John Wayne Cleaver, aspirante serial killer. Il Thriller di cui vi sto parlando si intitola Io non Sono un Serial Killer e uscirà qui in Italia il 24 Febbraio.
PAGINE: 286
PREZZO: 16,00 Euro

John Wayne Cleaver è, per sua stessa ammissione, un ragazzo potenzialmente pericoloso. Giudicate voi stessi: un ragazzo che passa il suo tempo dentro casa – un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell'obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un’ossessione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma questo ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati dei corpi atrocemente mutilati. Stavolta il suo demone interiore è costretto ad uscire allo scoperto, sulle tracce di quel mostro che, là fuori, sta lanciando una sfida non è più possibile respongere. 


Dan Wells è nato nel 1977 e vive nella città di Orem, Utah. Io non sono un serial killer è il suo romanzo d'esordio, primo di una trilogia, con il quale è stato finalista del Premio John Campbell come miglior nuovo scrittore.

Che ve ne pare?

martedì 14 febbraio 2012

Recensione di San Valentino: IL GIOCO DELLA SEDUZIONE di Susan Elizabeth Phillips

Ciao amici! In questi giorni ho letto un libro che è entrato nella mia classifica personale dei più belli che abbia mai letto e ve lo voglio recensire proprio oggi, il giorno di San Valentino! Il libro di cui sto parlando è stato pubblicato dalla Leggereditore ed è stato scritto da un'acclamatissima autrice di storie d'amore, Susan Elizabeth Phillips. Il romanzo che mi ha toccato il cuore è...Il Gioco della Seduzione. Di seguito tutte le info sul libro ...

Cosa ci fa una donna che stravede per le scarpe, le borse di alta moda e le acconciature all'ultimo grido, al vertice di una delle aziende più prestigiose della città? Chicago non è pronta per l’affascinante e capricciosa Phoebe Somerville, tuttavia quando il padre le consegna le redini della squadra di rugby della famiglia, tutti, lei compresa, dovranno farsene una ragione. Lei è un vero tornado, ma è possibile che una semplice donna riesca a creare un tale scompiglio in città? Nessuno pensa che Phoebe riuscirà a risollevare le sorti della squadra, né tantomeno a far capitolare Dan Calebow, il fascinoso allenatore.  Ma si sa che spesso la prima impressione è quella meno affidabile... Lavorando fianco a fianco, i due comprenderanno che  il gioco della seduzione è l'unico per cui vale la pena rischiare tutto, anche a costo di imbattersi in guai molto più seri di quanto abbiano previsto. E che forse è giunto il momento di far cadere quel velo di imperturbabile perfezione dietro il quale entrambi si nascondono.

PARERE PERSONALE:

Il Gioco della Seduzione è il primo capitolo di una nuova serie, dei Chicago Stars, pubblicata dalla Leggereditore e scritta da Susan Elizabeth Phillips. Questa racconta le vicissitudini amorose di una serie di personaggi che sono legati in un modo o nell'altro al mondo del football americano e alla squadra degli Stars. I due protagonisti che aprono la serie sono Phoebe Somerville, sexy ereditiera della squadra e Dan Calebow, gigantesco e iroso allenatore della squadra.
Tutto inizia con la morte del proprietario degli Stars, Bert Somerville, ricco e spietato uomo d'affari. Al suo funerale presenziano tutte le persone che hanno fatto parte del suo mondo, colleghi di lavoro, sottoposti, giocatori di football e così via. Phoebe Somerville, sua figlia, si presenta al suo funerale vestita da "bambola" insieme all'amico gay Viktor e all'adorata barboncina Pooh. E' qui che la nostra eroina incontra per la prima volta Dan, ex giocatore di football soprannominato "Ice" per la sua estrema freddezza e adesso allenatore degli Stars. 
Phoebe riceve in custodia la sorellina più piccola, Molly, e con sua grande sorpresa eredita momentaneamente la gestione della squadra di football. La otterrà definitivamente solo se riuscirà a portarla alla vittoria, altrimenti si prenderà tutto l'odiato cugino Reed. Phoebe non vuole questo onere e vede questa decisione di suo padre come l'ennesima prepotenza nei suoi confronti da parte di questo, la vuole controllare anche dalla tomba, lei che, come egli stesso diceva da vivo, è stata la sua più grande delusione. Phoebe infatti per sfuggire alla freddezza di suo padre, dopo l'episodio più brutto della sua vita, è fuggita lontano dalla sua vecchia vita e dai suoi vecchi dolori ritrovando una nuova pace a Parigi insieme al pittore Arturo Flores e ai suoi amici. Qui ha iniziato a costruire la sua corazza, la corazza della bellezza e dell'atteggiamento sexy che assume sempre nei confronti degli uomini per difendersi da essi. Phoebe non sa niente di football e nella sua impresa si farà aiutare dal giovane direttore generale Ronald McDermitt.
Dan, coach degli Stars, entra da subito in conflitto con la bella Phoebe, non sa che dietro la sua facciata accuratamente costruita si cela una dolce e semplice ragazza che ama i bambini e sogna una famiglia felice, non sa che dietro di essa si nasconde la sua anima gemella, quella che sta così accuratamente cercando da quando il suo matrimonio con la sua ex Valerie è finito. Anche Dan nasconde dentro di se un passato difficile che lo ha portato a nascondere le proprie emozioni dietro una spessa cortina di rabbia. 
Come spesso accade chi disprezza apprezza, chi odia ama, gli opposti si attraggono e Dan e Phoebe riscopriranno l'uno negli occhi dell'altro la felicità dell'amore vero e profondo...

Susan Elizabeth Phillips è entrata ufficialmente nella mia classifica di autrici da tenere d'occhio, il suo modo di scrivere è veramente fantastico , originale e talvolta anche un po' comico. Scrive senza tralasciare neanche un dettaglio e delinea così appieno ogni personaggio (ognuno a modo suo è complesso) che alla fine del libro ti sembra di essere stata li con loro, nella storia, e di averli conosciuti realmente tanto che alla fine del libro il distacco da essi è stato quasi un po' doloroso. Il Gioco della Seduzione è un romanzo originale capace di coinvolgere e tenere attaccato alle sue pagine il lettore che trova in esso non solo una dolce evasione dalla realtà ma anche una fonte di informazioni su quello che è il mondo dello sport americano per eccellenza. Bellissimo!
Aspetto con impazienza la pubblicazione dei prossimi volumi per conoscere gli amori degli altri appartenenti ai Chicago Stars!

Consigliato: Certamente! E' un libro Favoloso e molto romantico scritto da una penna veramente talentuosa!

Stelline: more than 4 stars! Più di 4 stelline!

Dal 23 Febbraio in Libreria: IL BACIO ETERNO DELL'OSCURITà di Jeaniene Frost

La Fanucci porta in libreria (il 23 Febbraio) il secondo capitolo della Night Huntress World Book Series, una serie collegata alla già conosciuta a apprezzata Night Huntress Series che aveva come protagonisti il bel vampiro Bones e la "micetta" Cat, mezza vampira mezza umana. Questa nuova serie è iniziata con il libro Crepuscolo Cremisi e porta in scena i protagonisti secondari della serie principale creando amatissimi crossover fra le due. Il libro si intitola Il Bacio Eterno dell'Oscurità ...
PAGINE: 336
PREZZO: 9,90 Euro

Scampata all’aggressione di alcuni ghoul in un magazzino nella periferia di Chicago, l’investigatrice privata Kira Graceling è costretta a restare una settimana prigioniera del vampiro Mencheres, che vorrebbe cancellarne i ricordi. Nelle sue visioni Mencheres vede solo una distesa di oscurità e pensa che sia meglio morire, anche per eliminare il problema di una vecchia faida con il suo più acerrimo nemico: Radjedef, suo zio e Guardiano della Legge, che vorrebbe ottenere il potere che Tenoch, suo signore, ha lasciato in eredità al nipote. La presenza di Kira nella vita del vampiro ha però un effetto inaspettato, e ben presto Mencheres si innamora di lei e si lascia convincere a liberarla. Presi da un’implacabile attrazione, Kira e Mencheres non riescono a stare lontani... Guai seri sono in vista per Kira, che dovrà vedersela, tra gli altri, con Aken, il traghettatore dell’oltretomba. Grazie all’aiuto di Vlad, Cat, Bones e Veritas, Mencheres cercherà in tutti i modi di mettere in salvo Kira, liberarsi di Radjedef e consegnarlo ad Aken; e sarà proprio il sovrano del Duat a svelargli importanti rivelazioni sulle visioni che lo ossessionano... e che potrebbero rivelarsi molto più sorprendenti di quanto lui si aspetti.
Jeaniene Frost vive in Florida con suo marito e il loro cane. Di sé le piace dire che, nonostante non sia un vampiro, ha la pelle molto chiara, adora vestirsi di nero e dormire di giorno. Fanucci Editore ha già pubblicato La cacciatrice della notte (2010), La regina della notte (2011) e L’urlo della notte  (2011).I romanzi di Jeaniene Frost sono stabilmente ai vertici della classifica del New York Times.

Dal 23 Febbraio in Libreria per Time Crime: I DANNATI NON MUOIONO di Jim Nisbet, OGNI GOCCIA DI SANGUE di Michael Robotham e OMICIDIO ALLO SPECCHIO di Ryan David Jahn

Il 23 Febbraio escono in libreria tre titoli Crime pubblicati dalla branchia della Fanucci che si chiama appunto Time Crime. Dalla prossima settimana potrete trovare in libreria I Dannati non Muoiono  di Jim Nisbet, Ogni Goccia di Sangue di Michael Robotham e Omicidio allo Specchio di Ryan David Jahn. Di seguito le schede tecniche con tutte le info ...
PAGINE: 250
PREZZO: 7,70 Euro

Strano il caso capitato al detective privato Martin Windrow, casualmente coinvolto nelle indagini relative al suicidio di Virginia Sarapath: la notte in cui è stata uccisa, un vicino ha sentito provenire dal suo appartamento dei forti gemiti di piacere. Al di là della parete, evidentemente, la donna era impegnata in un amplesso, a quanto pare durato per ore. Eppure il giorno successivo di Virginia resta solo il cadavere, i polsi recisi a colpi di rasoio, il seno sinistro asportato di netto. Sul foglio inserito nella macchina da scrivere di Herbert Trimble, che abita nell’appartamento accanto a quello della vittima, il detective trova intanto un foglio di carta che reca un’inquietante scritta: “Ho sempre voluto scuoiare una donna.” Forse, sono le semplici farneticazioni di uno scrittore fallito; forse, è la traccia di un movente. Inizia così un gorgo di orrori nel quale Windrow verrà attratto come una falena dalla luce, fino a sprofondare in un delirio in cui i confini tra omicidio e amore diventano sempre più labili.

PAGINE: 420
PREZZO: 7,70 Euro

Se ne sta lì, in piedi davanti alla porta, coperta di sangue. È la vittima di un crimine? O ne è l’autrice?Joseph O’Loughlin è uno psicologo criminale che collabora con la polizia di Bristol, un mestiere che riesce a gestire visto che “il signor Parkinson”, come lo chiama lui, non lo ha ancora costretto a ritirarsi. Ma a complicare ancora di più le cose ci si mettono la recente separazione dalla moglie e un rapporto difficile con la figlia più grande. Per Joe non è un gran momento, il lavoro, al quale si aggrappa con le poche forze rimaste, è la sua unica ancora di salvezza. Ma quanto tempo occorre perché una vita vada in pezzi? Una sera Sienna, la migliore amica della figlia di Joe, si presenta alla porta di casa O’Loughlin. La ragazza è coperta di sangue; non apre bocca, è pallida, rigida, una statua di sale. Poco dopo il cadavere del padre di Sienna, Ray Hegarty, viene ritrovato dalla polizia: giace a faccia in giù accanto al letto della figlia, la carotide recisa, una mazza da hockey accanto alla mano destra. O’Loughlin comincia a investigare per proprio conto ma ogni passo lo conduce verso un ginepraio in cui si cospira perché regni il silenzio, la menzogna, perché certe verità fanno male, e allora è meglio insabbiare, corrompere, trovare un capro espiatorio che paghi per gli errori di tutti.

PAGINE: 250
PREZZO: 7,70 Euro

Quando Simon Johnson viene aggredito all’interno del suo squallido appartamento di Los Angeles, la scelta è una e una soltanto: difendersi o morire. Ma nel momento stesso in cui, dopo averlo colpito, il fascio di luce della torcia illumina il viso del suo aggressore, Simon realizza due cose: primo, di averlo fatto fuori; secondo, che l’uomo che giace ai suoi piedi gli assomiglia come una goccia d’acqua. inizia così a prendere forma nella sua mente un piano diabolico: per scoprire il motivo del suo tentato omicidio, Johnson assumerà l’identità del suo “doppio”, un professore di matematica che conduceva la più ordinaria delle esistenze e che ora è un cadavere immerso in acqua e ghiaccio nella sua vasca da bagno. Così facendo Simon vivrà in casa sua,dormirà con sua moglie, vestirà i suoi abiti e si divertirà con la sua giovane amante… Ma a un certo punto il ghiaccio comincia a sciogliersi, strani messaggi appaiono sui muri, una misteriosa Cadillac nera inizia a pedinare Simon e qualcuno è sulle sue tracce. Realtà e allucinazione iniziano a confondersi, disegnando la geometria di un labirinto in cui il protagonista si perde: chi ha scoperto il suo gioco? C‘è forse qualcuno che muove le fila e che sta tentando di farlo impazzire?

Che ne pensate? Sembrano tutti molto interessanti e anche i prezzi sembrano sorridere al lettore!

Dal 23 Febbraio in Libreria: IL MISTERO DEL TALISMANO PERDUTO di Karen Marie Moning

Esce il 23 Febbraio per la Leggereditore il secondo capitolo (qui la scheda del primo) della Serie Fever di Karen Marie Moning, serie  che è stata voluta moltissimo dai fan italiani della scrittrice già conosciuta per la serie dedicata agli Highlander.

“Una serie meravigliosa: fatevi un favore e leggete qualcosa fuori dagli schemi.”
Charlaine Harris

“Il secondo volume della serie Fever è un concentrato di tinte dark,
sensualità e azione all'ennesima potenza.”
Publishers Weekly

PAGINE: 336
PREZZO: 9,90 Euro
IN MY WISHLIST? Dal momento che devo ancora leggere il primo capitolo di questa nuova serie per il momento aspetterò a metterlo nella lista dei desideri. Voi?

La porta sta per aprirsi, e non sarà la luce a venirti incontro ma la magia di un talismano dai poteri sconosciuti. Ombre oscure si avvicinano all’orizzonte, e una sola donna è in grado di dissiparle. Sei pronto a percorrere una strada disseminata di pericolo, sensualità e mistero? 
Da quando Mac ha scoperto di essere una veggente sidhe, la sua vita ha preso una piega del tutto inaspettata. E ora che la resa dei conti è inesorabile, di chi potrà fidarsi? Forse di un amuleto prezioso e antichissimo, che sembra proteggerla da sempre, oppure dello sfuggente Gerico? Tra piste false, esseri feroci, e la doppiezza di una realtà che non conosce pace, la giovane Mac dovrà tirare fuori tutto il suo coraggio, perché la sua caccia è appena iniziata e nulla potrà fermarla.

‘Dipende tutto dal libro’ aveva detto. ‘Non possiamo permettere che cada nelle loro mani! Dobbiamo prenderlo noi per primi!’ Conoscevo a memoria quel messaggio. L’avevo sentito e risentito di continuo nella mia testa. Dovevamo prenderlo per primi, così avremmo potuto usarlo. Come, nello specifico, non ne avevo idea, ma di sicuro il mio compito non sarebbe terminato nel momento in cui l’avremmo finalmente trovato.
Domanda: quanto ti rende responsabile il fatto di essere una delle poche persone capaci di risolvere un problema? Risposta: è proprio dalla risposta a questa domanda che una persona si definisce. Ero ritornata in forze. Non mi ero mai sentita più viva, più carica, più parte del mondo.

Karen Marie Moning è nata in Ohio. I suoi romanzi hanno scalato le classifiche più prestigiose, New York Times, Usa Today, Publishers Weekly, e sono stati tradotti in oltre 20 Paesi. In Italia l’autrice ha riscosso il favore del pubblico con i due primi romanzi della serie Highlander, Amori nel tempo e Torna da me, e il primo della serie Fever, Il segreto del libro proibito.


Che ve ne pare?