giovedì 30 settembre 2010

PAULLINA SIMONS...

IL CAVALIERE D'INVERNO
Leningrado, 1941.
Il conflitto che sconvolge l'Europa sembra lontanissimo da questa maestosa città ormai in decadenza, dove gli splendidi palazzi e i grandiosi boulevard testimoniano di un passato glorioso, quando lo zar Pietro I il Grande l'aveva voluta chiamare San Pietroburgo.
Ma le sorelle Tatiana e Dasha Metanova dividono un'unica stanza con i genitori, i nonni e il fratello... questa è la dura realtà della Russia di Stalin. Realtà che, tuttavia, sembrerà bella come un sogno non appena Hitler invade la nazione e comincia a stringere d'assedio la città.
In questo scenario -che la guerra rende precario e privo di certezze- si incontrano la giovane Tatiana e Alexander, un ufficiale dell'Armata Rossa ben diverso dalla maggior parte degli uomini russi: sicuro di sé al punto da sembrare sfrontato, e con uno strano accento che nasconde forse un passato misterioso.
Mentre un implacabile inverno e l'esercito tedesco riducono giorno dopo giorno Leningrado in ginocchio, i Metanov sono costretti ad adottare misure sempre più disperate per sopravvivere.
Tra un bombardamento e l'altro, con il cibo che scarseggia fino a diventare un ricordo cui aggrapparsi per placare i morsi della fame, Tatiana e Alexander sono inesorabilmente attratti l'una verso l'altro. Ma il loro è un amore impossibile, che porterebbe la disperazione nella famiglia di lei e rischierebbe di rivelare l'inconfessabile segreto di Alexander, un segreto che potrebbe distruggerlo... Il cavaliere d'inverno è un romanzo che travolge al pari di un fiume in piena, impeccabilmente costruito come i grandi classici con un'eroina pura e generosa, degna erede di Natasha e Lara, un eroe valoroso e incorrotto e un amore destinato a trionfare sulle devastazioni della guerra. Ma è anche -sullo sfondo di uno degli eventi più drammatici della seconda guerra mondiale- l'intenso resoconto del fallimento delle utopie e della tragedia di un intero popolo, raccontato attraverso le miserie e le sofferenze quotidiane degli eroi senza volto e senza gloria travolti dal flusso della Storia.


TATIANA E ALEXANDER
Tutte le vicende del primo romanzo vengono riprese e rivissute dal punto di vista di Alexander ora prigioniero della polizia di Stalin. Il suo unico conforto, nell'attesa di una condanna a morte, sono i giorni vissuti con Tania. Attraverso i suoi pensieri ritroviamo l'Alexander forte e ardimentoso del primo romanzo, il marito geloso e possessivo, ma anche tenero e passionale, veniamo a conoscenza della sua infanzia, di che adolescente è stato e scopriamo nuovi retroscena sulla sua vera identità.
Intanto, dall'altra parte del mondo, in America, terra di salvezza, c'è Tatiana che cresce il loro bambino e tenta con disperazione di rifarsi una vita.. Ma ella non può credere che Alexander l'abbia davvero abbandonata.. Riusciranno a ritrovarsi?

IL GIARDINO D'ESTATE
Si erano incontrati alla vigilia dello scoppio della seconda guerra mondiale, a Leningrado. Si erano amati fra gli stenti, la desolazione e le bombe di un assedio terribile, con la speranza di poter vivere un giorno altrove, in pace. Ora, 20 anni più tardi, davanti a un incerto futuro, quell'amore è messo alla prova. Tatiana e Alexander si sono miracolosamente riuniti in America, la terra dove tutto è possibile, e contano di ricostruirsi una vita insieme. Ma si devono confrontare con le ferite, il dolore, le fatiche che si portano dietro. Nonostante abbiano un figlio meraviglioso, Anthony, si sentono estranei l'uno all'altra. Ex capitano dell'Armata Rossa, Alexander vive con disagio il clima di paura e di sospetto della Guerra Fredda e Tatiana non riesce a ritrovare con il suo Shura l'intimità di un tempo. E quando pensano di essersi definitivamente lasciati alle spalle gli incubi della guerra, ecco che i fantasmi del passato tornano a minacciarli: Anthony, in conflitto con i genitori, si arruola volontario in Vietnam e scompare. Il seguito del libro "Il cavaliere d'inverno" e di "Tatiana & Alexander" della stessa autrice.


NOTE BIOGRAFICHE -  Paullina Simons è nata a San Pietroburgo nel 1963, e lì è vissuta finché la sua famiglia non è emigrata negli Stati Uniti durante gli anni Settanta. Dopo aver abitato a Roma, Londra e Dallas, attualmente vive a New York. Prima di dedicarsi alla narrativa ha lavorato come giornalista per una testata finanziaria e ha fatto la produttrice di network. I suoi romanzi precedenti avevano già attirato l'attenzione della critica sulla qualità della sua scrittura. Il Cavaliere d'inverno si ispira in parte alla storia della sua famiglia in Russia.
paullinasimons@aol.com



La più bella storia d'amore e guerra dopo Guerra e Pace e Il Dottor Zivago.


Una nazione devastata dalla guerra.
Un amore destinato a trionfare sulle avversità.
Un romanzo epico sui sentimenti, l'onore, il tradimento.

'Ho voluto raccontare la storia di un grande amore e di grandi sacrifici, del trionfo del coraggio sulla tragedia, e dell'oscurità che ha avvolto la Russia per gran parte del ventesimo secolo. Il cavaliere d'inverno parla di speranza: perché anche nei momenti più terribili è possibile una vita migliore, e nemmeno un'ideologia schiacciante può distruggere l'amore.'
Paullina Simons

HO SCOPERTO QUESTA AUTRICE GRAZIE AL FORUM : PAULLINA SIMONS WORLD


1 commento:

  1. Questi libri sono parte della mia vita. Tania e Shura e il loro amore hanno saputo scaldarmi il cuore come nessun altro libro è tiuscito a fare!
    Ho un blog dedicato proprio a Paullina Simons e a il cavaliere d'inverno!
    Se hai tempo vieni a visitarlo!

    RispondiElimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)