lunedì 20 novembre 2017

novità letterarie ● nuoveprossimeuscite # 5

BUONDÌ amici lettori e amiche lettrici, buon lunedì! È arrivato il freddo (finalmente)🌲 e con lui la stagione del tè caldo e delle tisane (ultimamente vado matta per quella alla menta), delle serate passate a fare il pieno di serie tv e avventure, accoccolati sotto una coperta sul divano. In questi giorni mi sto dedicando al recupero della terza stagione di The 100 e proprio stamattina ho guardato il season finale della terza stagione di Fear TWD. Tanta roba. Forse il migliore.

 nuoveprossimeuscite

Di thornhill ho sentito parlare tantissimo ultimamente, anche da blogger del cui giudizio mi fido molto, per cui non posso fare altro che segnalarvelo. Intreccia le storie di due ragazze, su due piani temporali diversi, alternando pagine di diario a illustrazioni e ponendo al centro del racconto temi come l'amicizia, il bullismo, la solitudine, la diversità. Cliccate sul titolo per leggere la trama per intero 😊 Il Re torna in libreria! sleeping beauties prende il titolo da La bella addormentata. È una favola nera ambientata a Dooling, una piccola città del West Virginia, dove fa la sua comparsa una misteriosa figura di donna, Evie Black, dalla forza sovrumana. Il prezzo fa spavento 💸 però la storia è accattivante. Sembra proprio un bel thriller. artemis. la prima città sulla luna invece ha un prezzo più abbordabile. Ultimamente le ambientazioni intergalattiche mi attirano tanto. Giovedì sera mi sono ritrovata a guardare Maurizio Costanzo Show e ho scoperto l'uscita di una vita apparentemente perfetta, che racconta l'esperienza di Michelle Hunziker all'interno di una setta. Le ultime due uscite che voglio segnalarvi sono buonanotte a chi non c'è e uno scatto di troppo in uscita il 30 novembre in edizione digitale.

Che ne dite? C'è qualche uscita che vi incuriosisce in particolare? 
UN ABBRACCIO

martedì 14 novembre 2017

ℒucca Comics & Games + Pisa ℬook ℱ estival ● 2017

BUONDÌ amici lettori e amiche lettrici, buon martedì ! È stata una settimana intensissima quella appena trascorsa. Fra fiere del fumetto, test e fiere del libro c'è mancato tanto così 👌 dall'accopparmi da sola. Se mi seguite su IG vi ho già parlato un po' di entrambe le esperienze ma ci tenevo a raccontarvi qualcosa anche qui sul blog.

ℒucca Comics & Games


Sono stata a Lucca l'ultimo giorno di fiera, il 5 novembre, il giorno del diluvio universale. Grazie a questa "magnifica esperienza" posso affermare senza ombra di dubbio che gli zaini Kanken sono super impermeabili💦, perchè ,appena arrivata, il mio povero bimbo ha fatto un volo di mezzo metro ed è finito dentro una mega pozzanghera senza mollare l'intero contenuto 💪. Vista la pioggia a catinelle ho fatto tappa fissa al Padiglione Napoleone per gran parte della mattinata. Allo STAND ITALY COMICS ho trovato (a sorpresa) il fumetto di WYNONNA EARP. RITORNO A CASA , che ho già letto e di cui vi parlerò presto. Allo STAND BAO PUBLISHING (che aveva una scenografia pazzesca!) ho recuperato SAGA. VOLUME 2. Il bello però è arrivato allo STAND TUNUÉ quando ho recuperato NOTTETEMPO. Era presente anche l'autore, LUCA RUSSO, che ha gentilmente sketchato la copia appena acquistata. Da quel momento in poi il mio cervello è antato in tilt e, a parte LA CASA di PACO ROCA, non ho più acquistato niente. Purtroppo, causa pioggia, mi sono persa tutta la parte dedicata a Stranger Things 😔 Ho però acquistato il mio primo Funko Pop!
è bellissimo! 😍
È stata proprio una bella giornata, caotica ma molto emozionante.

●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●●

Pisa ℬook ℱ estival


Ho visitato questa meravigliosa fiera della piccola e media editoria, tutta toscana, domenica, insieme a mia nonna, come faccio ogni anno 😊. Non avevo programmato niente di particolare se non passare a dare un'occhiata allo STAND DELRAI, per la prima volta a Pisa. Mia nonna, la donna con il portafoglio più veloce del West, ha deciso di farmi un regalone e prendermi i primi tre volumi della Rya Series di BARBARA BOLZAN (FRACTURE, SACRIFICE, DECEPTION). Allo STAND LA VITA FELICE ho recuperato due chicchine deliziose: ANGELINE O LA CASA DEGLI SPETTRI e METAMORFOSI E ALTRE STORIE GOTICHE. Infine, sono riuscita a scovare anche un fumetto molto carino (già letto) allo STAND LA CORTE EDITORE, QUESTA È LA MIA CITTÀ. Quando si parla di virus mortali e ambientazioni apocalittiche mi illumino 😍.

Che ne dite? Avete mai partecipato a queste due bellissime manifestazioni?
UN ABBRACCIO

lunedì 13 novembre 2017

ℓetturedeℓmese di ● a g o s t o 🍒

BUONDÌ amici lettori e amiche lettrici, buon lunedì! Siamo già con un piede nell'inverno e, lo ammetto, mi vergogno un po' a parlarvi adesso delle letture del mese di agosto ma sono rimasta tristemente indietro. Che novità! Bando alle ciance, durante il mese di agosto ho letto 2 fumetti e 2 libri.Un buon traguardo considerato che è stato un mese caldissimo 🔥e io con il caldo non carburo bene.

ℓetturedeℓmese


🍒 FINCHÈ ZOMBIE NON CI SEPARI di JESSE PETERSEN (#MultiplayerEdizioni). Avevo lasciato la lettura di questo libro a metà da un paio di anni e quest'estate, complice una domenica al mare, ho deciso di riprenderne in mano la situescion. È il primo libro della trilogia #LIVINGWITHTHEDEAD , serie che mescola l'horror a base di cervelli marci con l'ironia tipica della commedia divertente. Protagonisti sono due coniugi in crisi matrimoniale, Sarah e David, che, fra un battibecco e l'altro, scoprono quanto possa essere terapeutica un'apocalisse zombie. Peccato non abbia funzionato alla stessa maniera anche per Rick e Lori 😜 L'aspetto originale della serie, che tutto sommato per ambientazione e evoluzione degli eventi non lo è affatto, è che ciascun capitolo è corredato da una sorta di consiglio motivazionale per reinsaldare il legame di coppia.

🍒 LA CONTEA DEI RUOTANTI di FRANCO BOMPREZZI (#IlPrato) appartiene al filone delle storie distopiche. L'azione si svolge nella Contea della Sacra Ruota, società distopica, fondata dopo la Rivoluzione dei Disabili, in cui i camminanti sono banditi e i pochi presenti "riabilitati".
Non ho amato particolarmente lo stile dell'autore, troppo asciutto, asettico, per i miei gusti, ma ne ho apprezzato moltissimo le tematiche. Prima fra tutte quella delle barriere architettoniche e psicologiche che esistono nella nostra società per quanto concerne la disabilità. Il valore della diversità, caratteristica assolutamente da non stigmatizzare ma valorizzare. Insomma, se sentite il bisogno di una lettura che faccia riflettere, La contea dei ruotanti fa decisamente al caso vostro.

🍒LA GENERAZIONE di FLAVIA BIONDI (#BaoPublishing) è un fumetto - brossurato, in bianco e nero- che parla di crescita personale e soprattutto del concetto di "famiglia", quel legame forte che unisce e ancora l'un l'altro i suoi membri, come le radici di un albero, ispessite dalle emozioni e dai ricordi condivisi di generazione in generazione. Flavia Biondi affronta le tematiche in una maniera veramente dolce e emozionante, specialmente sul finale, che ho trovato strappalacrime. Matteo ritorna a casa dopo tre anni trascorsi a Milano. Ancora più perso di quando è fuggito dal proprio paese per non affrontare il giudizio del "babbo". Quest'ambientazione toscana, che traspare anche dai dialoghi, da brava toscanina mi ha accalappiata, lo ammetto. Ed è stato bello seguire il percorso di crescita del protagonista, dal suo sentirsi un fascio di inutili atomi alla realizzazione delle proprie potenzialità. Certe volte bisogna tornare a casa per ritrovare la propria strada e capire quanto la famiglia sia la nostra forza.

Zia B dice che siamo tutte mele. Che le famiglie sono come un albero carico di frutta. E che quando siamo maturi, succede che ci stacchiamo e andiamo via.

🍒RUGHE di PACO ROCA (#Tunué) è un fumetto -cartonato, a colori-di una grazie e dolcezza uniche. Protagonista delle tavole è Emilio, affetto dal morbo di Alzheimer, che il figlio decide di inserire in una Residenza per anziani. Credo di poter affermare, senza ombra di dubbio, che non mi ero mai commossa tanto leggendo un fumetto prima di questo. Forse perchè quella delle RSA è una realtà che ho vissuto sulla mia stessa pelle e perchè in molte delle situazioni rappresentate ho avuto un senso fortissimo di déjà-vu, di situazioni già vissute. La corsa alle medicine, la ginnastica mattutina, le conversazioni sconnesse e sgangherate, i ricordi che, come fotografie, sfuggono alla memoria sempre più debole con il tempo che passa. L'impotenza dei familiari, i sensi di colpa, i piccoli momenti di gioia condivisi con gli ospiti e gli operatori. La tristezza delle ultime pagine è stata dura da digerire. Paco Roca è riuscito a rappresentare il decorso di una delle più brutte forme di demenza senile con un'efficacia che lascia a bocca aperta, con gli occhi pieni di lacrime e il cuore pesante. Solo una parola: leggetelo.

Voi che mi raccontate di bello? 
UN ABBRACCIO