lunedì 21 maggio 2012

Recensione: L'EREDITà DI JENNA di Mary E. Pearson

Sequel del fortunato "Dentro Jenna", non solo affascina per l'ambientazione futuristica e per la trama avventurosa, ma affronta temi spinosi, come gli esperimenti estremi di biotecnologia, con uno sguardo profondo sull'animo umano. Jenna, Kara e Locke, tre amici inseparabili, tornando da una festa rimangono uccisi in un terribile incidente. I loro corpi non possono essere salvati ma le loro menti vengono tenute in vita e intrappolate in un computer. Jenna è la prima a risvegliarsi con un corpo artificiale grazie a un esperimento di biotecnologia avanzata. Kara e Locke invece vengono dimenticati e rimangono isolati in un lunghissimo limbo telepatico dove esistono solo i loro pensieri e i loro sentimenti. Passano gli anni e poi i secoli e finalmente, dopo 260 anni, Locke e Kara si trovano di nuovo nei loro corpi, resi perfetti da uno scienziato senza scrupoli. Ma il mondo in cui si risvegliano è un luogo estraneo e pericoloso dove tutto e tutti quelli che conoscevano sono ormai scomparsi. Tutti tranne Jenna Fox.


PARERE PERSONALE:

L'Eredità di Jenna è il sequel del romanzo Young Adult Dentro Jenna, romanzo grazie al quale veniamo catapultati nel futuro in un'epoca nella quale tutto-o quasi-è possibile. L'autrice che li ha scritti si chiama Mary E. Pearson  e la casa editrice che ce lo ha proposto qua in Italia è la Giunti Y. 

In questo romanzo ci ritroviamo catapultati avanti di circa 160 anni dagli eventi svoltasi nel primo. Jenna credeva di aver distrutto per sempre i database che contenevano le menti dei sue due migliori amici, Kara e Locke, risparmiando loro anni di buio e tormento. Mai avrebbe però potuto immaginare che un folle dottore, Dottor Gatsbro, ne avrebbe trovate le copie. Adesso anche i due ragazzi, rimasti uccisi in un tremendo incidente al ritorno da una festa insieme a Jenna, hanno di nuovo un corpo. Presto diventerà a loro ovvio che Gatsbro li usa solo come "prove" della propria scienza, modelli perfezionati e costruiti interamente con il Bio Perfect.
Fuggono. Ed è qui che incontrano la dolcissima Dot, taxi-robot che sogna di poter aiutare gli Evasi. (Dot è stata una dei miei personaggi preferiti e alla fine ho sentito anche una stretta al cuore al pensiero che non avrei più letto di lei. Come ho detto sopra è dolcissima e supersognatrice. Due doti che mi hanno fatto affezionare a lei.)
Kara e Locke si dirigono verso Boston perché qualcosa è cambiato in Kara, qualcosa di oscuro si annidia dentro il suo cuore. Qualcosa di pericoloso. Qualcosa che turberà la tranquilla vita di Jenna Fox e della sua famiglia.
Giunti in città si renderanno presto conto che molto, troppo, è cambiato e che il mondo che essi conoscevano è scomparso ed è stato sostituito da uno che loro non conoscono. Tutto è moderno, le strade che solitamente percorrevano da ragazzi non esistono, la loro famiglia è ormai scomparsa da tempo...
Si sentono spaesati e sconvolti da tutto questo. Vogliono cercare Jenna, in California. Li aiuterà nella loro impresa Miesha, colei che si era presa cura di loro quando ancora vivevano presso il folle dottore, e Dot.

L'Eredità di Jenna è un appassionante sequel di una storia che ho particolarmente apprezzato in modo particolare per l'ambientazione futurista che l'autrice le ha costruito intorno. Forti i personaggi. Storia coinvolgente e avventurosa, ricca di sorprese.
Una lettura che vi consiglio dopo aver letto il primo romanzo (Dentro Jenna) che è a mio parere fondamentale per non perdere il filo di questo secondo capitolo.

Stelline: 

1 commento:

  1. "il mondo che essi conoscevano è scomparso ed è stato sostituito da uno che loro non conoscono. Tutto è moderno, le strade che solitamente percorrevano da ragazzi non esistono, la loro famiglia è ormai scomparsa da tempo...". Un incubo, praticamente. Solo l'idea mette angoscia! : (

    RispondiElimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)