sabato 23 novembre 2013

Librocommento: PER UNA VOLTA NELLA VITA di Rainbow Rowell

Eleanor è appena arrivata in città. La chioma riccia rosso fuoco e l'abbigliamento improbabile, ha lo sguardo basso di chi, in pasto al mondo, fa fatica a sopravvivere. Park ha tratti orientali che ha preso dalla madre coreana e veste sempre di nero. La musica è il suo rifugio per tenersi fuori dai guai. La loro storia inizia una mattina, sul bus che li porta a scuola. Park è immerso nella lettura dei suoi fumetti e perso tra le note degli Smiths, Eleanor si siede accanto a lui. Nessun altro le ha fatto posto, perché è nuova e parecchio strana. Il loro amore nasce dai silenzi, dagli sguardi lanciati appena l'altro è distratto. E li coglie alla sprovvista, perché nessuno dei due è abituato a essere il centro della vita di qualcuno. Tra insicurezze e paure, Eleanor e Park si scambiano il regalo più grande: amare quello che l'altro odia di sé, perché è esattamente ciò che lo rende speciale. Sarà la loro forza, perché anche se Eleanor non sopporta quegli sfigati di Romeo e Giulietta, anche il loro legame deve fare i conti con un bel po' di ostacoli, primo fra tutti la famiglia di lei, dove il patrigno tiranneggia incontrastato. Riusciranno, per una volta nella vita, ad avere ciò che desiderano?

COMMENTO:

E alla fine, si, l'ho letto e si, me ne sono perdutamente innamorata. Come solo dei libri si può fare. Catturata da un incantesimo che solo le autrici che possiedono la scintilla magica possono lanciare, di carta e d'inchiostro. Per una volta nella vita (Eleanor & Park) di Rainbow Rowell (ogni volta che scrivo il suo cognome vi viene da scrivere Spell) è la storia di Eleanor, grossa e imbranata. Con una chioma riccia riccia e color rosso fuoco, per giunta, nuova in città e dall'abbigliamento improbabile, e di Park, occhi verdi . E la pelle del colore del sole attraverso il miele. La storia del loro amore che sboccia un po' per caso, intenso, sul bus della scuola. Il primo amore. Quello che non si dimentica. Quello che ti cambia la vita. 
Eleanor & Park è stata una delle due letture più belle di questo 2013. L'altra è stata Io prima di te di Jojo Moyes. L'autrice ci racconta la storia di E e P con una dolcezza infinita, da entrambi i punti di vista. Una caratteristica che apprezzo molto nei romanzi. Svolge poco a poco, pezzettino per pezzettino, il filo della storia, facendo quasi spasimare il lettore per averne un pezzo in più. I libri migliori che ho letto possiedono questa caratteristica, li preferisco, perché non saziano subito la curiosità di chi legge, non svelano tutto subito, rendendo così la lettura per niente scontata.
Stupenda la cover originale.
Più azzeccata di quella scelta da Piemme.
La condizione di Eleanor poi, certe volte mi ha fatto stringere il cuore. Proviene da una famiglia con molti problemi. Il padre ha lasciato la madre che si è sposata di nuovo con Richie, un uomo profondamente disturbato, prepotente, violento e narcisista (si nota che Richie è stato il protagonista che più mi è rimasto sullo stomaco?). E la cosa che più mi ha sconvolta è la passività con cui la madre accetta questo suo atteggiamento, quasi giustificandolo. Dopotutto è lui l'uomo di casa e padre di Little Richie. Mica se ne è andato, lasciandoli nei guai e soli, come il padre di Eleanor e dei suoi fratellini Mouse, Ben e Maisie. No, lui c'è e porta avanti la baracca. A mio avviso nemmeno troppo bene. La condizione di Park è all'opposto di quella di Eleanor. Vive in una casa piena d'amore. Il padre, ex militare, stravede per la madre, Mindy, la adora e bacerebbe il terreno su cui cammina. Tra lezioni di taekwondo e esami di guida, l'atmosfera in cui vive è tranquilla e lieve, così come lo può essere quella di una casa in cui vivono due adolescenti. Questi due mondi si incontrano e...scocca la scintilla. E' amore. Un amore che salverà le loro vite.

(Le parole in corsivo sono citazioni tratte dal testo, Per una volta nella vita di Rainbow Rowell)

3 commenti:

  1. Carinissimo romanzo anche se avrei voluto più approfondimenti sulla famiglia di Eleanor, quella di Park è tratteggiata in modo molto più dettagliato.

    RispondiElimina
  2. Ho visto un sacco di recensioni su questo liiibro!! Non so davvero se mi ci avvicinerei, ma il successo che ha avuto mi stimola, in realtà!

    La tua recensione è molto piacevoli, comunque e il blog mi piaceee :3

    Parole Mag Eccetera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mag! E' un libro particolare. Mi era quasi sfuggito. Anche io sono stata colpita dal numero di recensioni sul web e in verità è stato proprio il desiderio di farmi un'idea mia della storia che mi ha spinta a leggerlo.

      Elimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)