mercoledì 19 ottobre 2016

September ℛecap | ℓetture + telefilm # 16

BUONDÌ amici lettori e amiche lettrici, oggi è il giorno degli aggiornamenti sui progressi di lettura e siccome dallo scorso CBT è cambiato poco e nulla mi sono decisa a parlarvi (in ritardissimo, come sempre) delle mie letture del mese scorso. 

#Septemberℛecap

#ℓetture 

Il mese di settembre sono state gioie e dolori.  
 # Ho iniziato il mese con un'arrabbiatura epocale. MARIE FORCE con il suo INVESTIGATION non mi ha convinta per niente e mi sono mangiata le mani all'idea di aver già recuperato tutti i cartacei editi in Italia. Io e la mia maledetta furia! DUE STELLINE  a questo inizio di serie che non sono riuscita nemmeno a finire di leggere. Siccome ne ho già parlato sul blog vi LASCIO QUI la mia recensione. 

# Ho letto anche LE BUGIE HANNO LA PANCIA TONDA* di MEGHANN FOYE (HARPER COLLINS ITALIA) e l'ho adorato. TRE STELLINE. Anche di questa piccola meraviglia vi ho già parlato quindi vi LASCIO QUI la mia recensione. 

# GRIFF MONTGOMERY, QUARTERBACK * (First and Ten #1) di JEAN C. JOACHIM (F&A ROMANTIC DREAMS) è stata la mia ultima lettura del mese. È uno Sport Romance ambientato nel mondo del Football Americano, sport che non manca mai di affascinarmi per la quantità di muscoli che vede coinvolti in campo. Avevo letto qualcosa, della SEP, di ambientato in questo ambito e i suoi giocatori erano riusciti a conquistarmi appieno.Con il loro fascino grezzo e l'aspetto rude ma le maniere da gentleman...aww. Vorrei tanto esistesse nella realtà uno stampo simile. Bando ai sogni ad occhi aperti però e concentriamoci sull'ebook in questione che, purtroppo, non è riuscito a conquistarmi del tutto. Ho adorato alcune sue parti ma altre sue caratteristiche mi hanno fatta storcere il naso. Partiamo dall'inizio però. A spingermi a voler leggere Griff Montgomery è stato uno dei suoi protagonisti, Spike, il carlino più conteso della storia del romance. Come saprete ho un debole per questi cosini morbidosi. A far incontrare i due protagonisti è proprio questa dolce bestiola. Lauren si è dovuta allontanare da casa per gestire una triste situazione familiare e il novello ex marito (una cacca di uomo, lasciatemelo dire) chiude fuori di casa il carlino, invece di occuparsene per qualche giorno come pattuito. Il piccolo molosso viene recuperato da Griff che, reduce del trasferimento della sorella e nipoti con il nuovo marito, colpito dal suo musetto e tristemente solo, se lo porta a casa e decide di adottarlo. Una volta tornata a casa L. si accorge della sparizione del pelosetto e, cercando cercando per la città, lo becca al guinzaglio dell'uomo più sexy e irritante che abbia mai visto. A questo punto è guerra in tribunale. Il giudice stabilisce un affido condiviso per circa sei mesi, in attesa di stabilire se L. sia o meno una padrona adatta al cagnetto. E dal momento che la casa del quarterback dei Kings è in ristrutturazione quale soluzione migliore che unire l'utile al dilettevole affittando una stanza della grande casa di L. che si trova per giunta anche in ristrettezze economiche? Questa vicinanza "forzata" pian pianino fa avvicinare i nostri eroi. Ho adorato le scaramucce iniziali, sapete quanto le apprezzo. Mi sono divertita a leggere i loro scambi di battute al vetriolo. Quello che non mi è piaciuto per niente sono state certe idee dell'autrice. Capisco che la percezione di un disagio sia assolutamente soggettiva ma non si può fare di ogni cosa una tragedia. Non voglio sindacare sulla questione maternità relativa alla situazione di L. perchè comprendo che la perdita di un bambino sia qualcosa di profondamente doloroso, a qualsiasi mese questa avvenga. Quello su cui mi sento di fare un appunto invece è sul modo in cui entrambi i protagonisti spesso indulgano nel vittimismo. Ma questa è una questione di gusto personale...Non sopporto i personaggi piagnoni. Non mi è piaciuto il modo in cui determinati avvenimenti della storia sono stati gestiti dall'autrice, a mio avviso con idee molto arretrate, che mi sarei aspettata di trovare semmai in un historical romance e non in un contemporary romance. Questo particolare mi ha dato l'impressione che l'autrice volesse a tutti costi farla difficile questa benedetta situazione. Anche se una soluzione più semplice c'era eccome. Trasformare una "relazione" in un'infinita serie di tira e molla alla lunga ha l'effetto di  stancarmi gli occhi. A parte ciò è sicuramente una lettura carina, la perfetta candidata per un pomeriggio di noia. Ho trovato la prima parte del romanzo veramente scorrevole, emozionante e coivolgente. Con Griff poi avrete modo di rifarvi gli occhi e il cuore. Oltre ad avere una bella tartaruga è anche un personaggio molto tenero.  Le amanti degli sportivi avranno di che gioire. VERSO LE TRE STELLINE.

#telefilm




# LIFE UNEXPECTED è un telefilm di qualche anno fa e il mese scorso me lo sono ritrovato tra i consigli di NETFLIX. LU è un family drama statunitense composta da solo due stagioni. Racconta le vicende di Lux, sedicenne, sballottata da una famiglia affidataria all'altra fino a quando non decide di chiedere l'emancipazione. Per farlo però entrambi i genitori devono aver firmato la rinucia ai diritti genitoriali. Decide così di rintracciarli e...il giudice decide di affidarla a loro: Cate Cassidy, affermata speaker di una stazione radiofonica della città di Portland, e Nate Bazile, ex quarterback rubacuori, ora proprietario di un bar. È una serie abbastanza ordinaria, non ha niente di speciale. L'ho adorata per i continui battibecchi (e le battute salaci di cui si compongono) tra Cate e Baze, coppia che shippo dall'infinito e oltre. Il finale è un po' affrettato e troppo happy ending per i miei gusti ma ho aprezzato ogni singolo episodio. Ho fatto fuori ambo le stagioni in pochissimi giorni. Ci avrei messo ancora meno se non avessi dovuto dormire!

# MINORITY REPORT. Di questa serie tv sequel del più famoso e omonimo film con Tom Cruise vi parlerò prestissimo in modo più approfondito. Quello che posso dirvi è che a me non è sembrata malaccio. Ho adorato soprattutto le ambientazioni fantascientifiche e...Arthur! Quanta roba sei figlio mio!

#film

# IO PRIMA DI TE. Si, sono andata a vederlo al cinema e..no, non ho pianto. Mi ero preparata psicologicamente. Direi che nel complesso mi è piaciuto. Con un paio di riserve però : non riesce proprio per niente ad eguagliare la potenza espressiva del libro di Jojo Moyes e...che peccato perdersi tutti i pensieri di Lou! Nel suo cervello c'è un mondo meraviglioso e il film lo trancia via di netto. Detto ciò. Gli attori sono stati bravini, a parte qualche peccuccia nella recitazione. Insomma, Lou è un po' goffa ma non completamente rimbecillita. La mia scena preferita? Il compleanno di L. é stato indimenticabile e la faccia di Pat assolutamente impagabile. Quale personaggio mi è mancato di più? Il nonno di Louisa. Gli è stato dato veramente poco spazio all'interno della pellicola. Peccato che non sia stato dato spazio a tutti (o almeno a qualcuno) i teatrini della famiglia Clarke. Mi hanno divertito tanto durante la lettura del libro. È stato bello vedere gli outfit estrosi della nostra eroina in scena. Devo recuperare a tutti i costi quelle calzette a strisce!  Bellino e, in linea generale, molto fedele al libro.

CHE NE DITE? COSA AVETE LETTO DI BELLO (O DI BRUTTO)?
UN BACIO

2 commenti:

  1. LIFE UNEXPECTED mi è piaciuta tantissimo, però è vero il finale è troppo frettoloso e l'happy ending per tutti è un po'esagerato. House of crime non è piaciuto neanche a me :(
    Buone prossime letture;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto l'impressione che i produttori volessero dare a tutti i fan un contentino prima di chiudere baracca ^^
      Grazie Lady! <3

      Elimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)