lunedì 21 aprile 2014

ANDIAMO A CACCIA DI LIBRI (Le uscite più interessanti di Aprile)

Un po' di giorni fa vi ho "segnalato" (per modo di dire, ormai sono uscite di dominio pubblico) un po' di uscite che mi hanno fatto prudere il naso (tradotto: che mi hanno stuzzicato). Oggi mi sono armata anche di una rivista che  mi potrà aiutare nell'impresa. Mmmm...al suo interno c'è anche un poster numerico, un numero...Quattro! Se avete letto la trilogia di Veronica Roth certo capirete il mio riferimento alla matematica e ai numeri. A proposito, sono in procinto di iniziare a leggere Insurgent, sono impaziente e al contempo ho paura di finire questo libro perché dopo mi dovrei tuffare su Allegiant, che pare scatenare le più disparate reazioni nei fan della serie. Brrr...paura! Adesso basta chiacchiere! Ecco altre uscite del mese di aprile:

Esce il 24 aprile, quindi fra pochissimo, il primo libro di una nuova trilogia distopica young adult, Spiegelkind scritta da Alina Bronsky, autrice russo-tedesca. Spesso mi sono tenuta alla larga da queste storie distopiche, con Matched di Ally Condie non aveva funzionato e quindi ero molto titubante. Ultimamente però sono anche io stata colpita da Divergent e mi sono detta, diamo a questo genere una possibilità! Outcast.
Pagine: 320
Prezzo: 16,40
 Juliana ha 15 anni e vive in una società rigidamente strutturata dove i Normali controllano tutto e si tengono rigorosamente lontani da coloro che si comportano in modo anticonvenzionale. Juliana frequenta il liceo, abita in un quartiere ordinatissimo e segue tutte le regole della Normalità. Suo padre, esempio di omologazione e sua madre, una pittrice per hobby e più originale, sono separati. All'improvviso la madre scompare, la casa è sottosopra e piena di polizia e il padre sembra stranamente tranquillo. Cosa succede? E perché Julie sente suo padre definire sua madre una fata, uno degli essere più temuti e disprezzati dalla società dei Normali? In una corsa contro il tempo Julie dovrà confrontarsi con una realtà ben diversa da quella in cui è cresciuta. Dove le cose e le persone non sono bianche o nere e dove la diversità, l'originalità sono fonti di ricchezza.

Quando il diavolo mi ha preso per mano di April G. Tucholke è un'altra uscita che mi ha fatta balzare su dalla mia seggiolina. Adoro le serie young adult e le storie dal sapore gotico. Questa serie in particolare si chiama Between e vede protagonista una diciassettene, Violet,  la quale incontrerà...il diavolo! Negli occhi di un affascinante ragazzo, River. Mio, mio, mio! (il libro non il ragazzo!). 


Pagine: 271
Prezzo: 16,00
Nel paesino di mare dove abita Violet White non succede mai niente... fino a quando River West non affitta la casetta dietro la sua e incominciano ad accadere cose inquietanti: i bambini scompaiono, gli adulti hanno strane visioni e diventano inspiegabilmente violenti. Tutto mentre Violet è sempre più attratta da quel ragazzo misterioso che ormai entra indisturbato in casa sua. Ma River è soltanto un bugiardo dal sorriso irresistibile e un passato misterioso o dietro i suoi occhi ipnotici si nasconde qualcos'altro? La nonna di Violet l'aveva sempre messa in guardia dai giochi che sa fare il diavolo, ma lei non aveva mai pensato che potesse nascondersi dietro un ragazzo dai capelli scuri che si appisola in giardino, adora il caffè e ti fa tremare di passione...

La bellezza è il suo demone. Questa frase vi dice qualcosa? Il 29 aprile esce la rivisitazione in chiave moderna, tutta italiana, di Dorian Gray. Gray di Francesco Falconi, Mondadori


Pagine: 250
Prezzo: 17,00
Inizi del Novecento: Dorian è un dandy adorato da tutti e innamorato di se stesso, tanto da fare un patto col diavolo per restare eternamente giovane e bello. Oggi: Dorian è il proprietario di una catena di discoteche glamour, Eternity, e un ballerino straordinario, al quale è impossibile resistere. Da centinaia di anni Dorian paga molto caro il prezzo della sua bellezza: la crudeltà lo divora, il desiderio di sopraffare, sfruttare e far soffrire chiunque lo circondi domina la sua vita, i desideri del corpo sono il suo unico credo. Eppure in passato ha amato davvero. E anche oggi qualcuno disposto a salvarlo con l'amore forse c'è: la misteriosa Layla. Riusciranno insieme a sconfiggere i propri demoni?


Pensavo (pregavo) che questa fosse una duologia e non una trilogia perché (e questo me ne rendo conto, lo dico egoisticamente) ... quanti libri ho da leggere! Aiuto!!! Comunque, ho controllato. Era prevista una trilogia, blogger sbadata. Seduzione ed estasi. Gabriel's Redemption di Sylvain Reynard è il capitolo conclusivo della trilogia Gabriel's Inferno, edita dalla Nord.

Pagine: 502
Prezzo: 16,90
Gabriel e Julia sono spiriti affini. Per lui, niente è più importante di quella giovane così timida e dolce, che già al primo sguardo ha rimarginato le ferite della sua anima, insegnandogli ad amare. Per Julia, il professor Emerson è il sole attorno al quale orbita la sua intera esistenza, la luce che ha dissipato le ombre del passato e che le ha mostrato la strada per iniziare una brillante carriera accademica ad Harvard. È stato quindi naturale unire i loro cuori nel sacro vincolo del matrimonio. E adesso è forte il desiderio di creare una famiglia, mettendo al mondo un bambino. Quell'idea dovrebbe aprirgli le porte del paradiso, invece Gabriel si sente sprofondare negli abissi dell'inferno: come potrà essere un buon padre, lui che da piccolo ha conosciuto soltanto dolore e abbandono? Per non condannare il figlio a un'esistenza priva di affetto, Gabriel deve superare il trauma della propria infanzia. E ha un unico modo per riuscirci: trovare i suoi veri genitori. Tuttavia incamminarsi in quella selva oscura di ricordi sarà molto più pericoloso di quanto lui non avesse immaginato, e Gabriel non rischierà solo di smarrire la "diritta via", ma anche di perdere per sempre la sua adorata Beatrice...

Concludo con una notizia (già letta e riletta) che farà felici i fan di Jamie McGuire, il 24 aprile uscirà, per la Garzanti, Un disastro è per sempre. La novella che ci racconta il matrimonio di Travis il "Matto" (come lo ho soprannominato io) e Pigeon. Uno splendido disastro (clicca per la recensione) non è stata per me una lettura positiva. Se cercate sul blog l'etichetta "recensioni" capirete anche perché la McGuire non mi ha conquistata per niente. 

Pagine: 180
Prezzo: 14,90
"Vuoi sposarmi?" Abby non ha dubbi: è Travis l'uomo che vuole accanto a sé per tutta la vita. Lui è l'unico in grado di leggerle dentro, l'unico a conoscere cosa si nasconde nella sua anima. "Sì". La risposta di Travis arriva direttamente dal suo cuore. Quel cuore che ha cercato di proteggere dall'amore per tanto tempo costruendo intorno delle barriere. Fino all'arrivo di Abby a cui è bastato uno sguardo per sciogliere quella corazza. Qualcosa di speciale li unisce. Ma lei sa bene che i guai non sono mai troppo lontani con un ragazzo come Travis nei paraggi. Per questo hanno davanti una sola scelta per realizzare il loro sogno: volare a Las Vegas. Quando il fatidico momento si avvicina Abby e Travis inaspettatamente sono nervosi. I loro dubbi si risvegliano all'improvviso: hanno diciannove anni e si conoscono da pochi mesi. E soprattutto lui è il ragazzo sbagliato per eccellenza e lei una ragazza in fuga da sé stessa e da un segreto difficile da confessare. Eppure davanti all'altare, mano nella mano, occhi negli occhi, non c'è più nulla da temere. Ci sono solamente loro e tutto quello che li ha portati fin lì: quella scommessa da cui ogni cosa è cominciata, i tentativi di stare lontani l'uno dall'altro, il primo infinito bacio, le promesse disattese, la scoperta di essere perdutamente innamorati. Finalmente sono marito e moglie, per sempre. Sono una cosa sola. Ma ora che il passato tormentato di Travis arriva a chiedere il conto, insieme sanno come affrontarlo.

E con oggi passo e chiudo, a domani con ancora un po' di uscite del mese di aprile e, dai, si, sdiamoci, anche una recensione. Nel frattempo, che ve ne pare di queste uscite?

3 commenti:

  1. Outcast e quando il diavolo mi ha preso per mano mi ispirano, il problema è che mi scocciano le serie. In genere preferisco libri singoli... Poi boh, penso si stia leggermente abusando del genere distopico ormai >_> ricordo che qualche anno fa molta gente non sapeva nemmeno cosa significasse il termine. Però magari se me li presteranno li leggerò, soprattutto il secondo. Sto leggendo recensioni positive ovunque! :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo impaziente preferisco anche io i libri singoli autoconclusivi. Le serie alla lunga mi stufano. Le trilogie possono anche andare bene però poi quando gli autori si dilungano troppo...

      Elimina
    2. no. Voglio sapere subito come vanno a finire i protagonisti :)

      Elimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)