giovedì 23 giugno 2011

Recensione: THE SKY IS EVERYWHERE di Jandy Nelson

La diciassettene Lennie Walker è un'amante dei libri e un membro della banda della scuola, suona il clarinetto e passa il suo tempo felicemente riparata all'ombra della volitiva sorella maggiore, Bailey. Ma quando Bailey muore improvvisamente Lennie è catapultata al centro del palcoscenico della sua vita e, a dispetto della sua praticamente inesistente esperienza con l'altro sesso, si trova a barcamenarsi tra le attenzioni di ben due ragazzi. Toby è l'ex fidanzato di Bailey, il suo dolore fa da eco a quello di Lennie. Joe si è da poco trasferito in città, dopo un'infanzia trascorsa a Parigi, e il suo magico sorriso sembra essere eguagliato solo dal suo straordinario talento musicale. Per Lennie i due sono come il sole e la luna: se uno di loro è capace di spazzar via il dolore, l'altro le offre conforto in esso. Ma, proprio come le loro controparti celesti, non possono trovarsi l'uno nell'orbita dell'altro senza che il mondo esploda. Celebrazione dell'amore e ritratto di una perdita, la lotta di Lennie per trovare la propria melodia all'interno del frastuono che la circonda suona sempre onesta, spesso buffa, e sicuramente indimenticabile.

L'AUTRICE: Jandy Nelson si è laureata alla Cornell, ha un master in poesia e uno in scrittura per bambini e giovani adulti. Agente letteraria per molti anni, dopo un esordio come poetessa ora si è dedicata completamente alla fiction.The Sky is everywhere è il suo primo romanzo. Vive e lavora a San Francisco.


Il Sito dell'Autrice: QUI


PARERE PERSONALE:


Lennie Walker, la protagonista di questo romanzo, sta vivendo un momento particolarmente drammatico e triste della sua vita. Sua sorella Bailey, colei dietro alla quale ha sempre cercato rifugio e alla quale si è sempre appoggiata, è morta a causa di un arresto cardiaco durante le prove di Romeo e Giulietta.


La famiglia alla quale Lennie appartiene non la si potrebbe certo definire una delle più normali e tradizionali del mondo. Ogni suo componente potrebbe essere visto da un osservatore esterno come un esempio di eccentricità e stranezza. 


La assai eccentrica famiglia (oltre che da Lennie) è ora composta da  nonna Walker, una donnona alta due metri con la passione per la pittura (i suoi soggetti preferiti sono donne vestite di verde) e per la coltivazione delle rose ritenute dai poteri magici dagli abitanti del paese nel quale vivono; zio Big convinto scienziato e rinomato Don Giovanni famoso per i suoi numerosi matrimoni e per i suoi ricercatissimi picnic sugli alberi dai quali poi si possono vedere cadere una pioggia di vestiti.


La madre delle due ragazze invece se ne è andata quando erano molto piccole spinta dal famoso gene dell'irrequietezza...


Nel triste e doloroso mondo di Lennie fanno irruzzione due ragazzi: Toby, il ragazzo di sua sorella e Joe, il francesino con il sorriso capace di illuminare mezzo mondo ( se non tutto ^^). Se uno è in grado di capire il suo dolore l'altro può riuscire a renderla felice e a farla uscire dal suo stato attuale di profondo dolore e disperazione.


Infine abbiamo Sarah, la migliore amica di Lennie "la persona più cinica ed entusiasta del pianeta. (...) divorata dalla passione per i libri" come la protagonista. Sarah che  dopo aver letto Sartre ha cominciato a vestirsi di nero e a parlare della sua crisi esistenziale. 


Questo è un libro che racconta il difficile percorso dell'accettazione di una perdita. Racconta dei primi passi dopo che un fulmine a ciel sereno ha sconvolto tutto il tuo mondo...il primo sorriso dopo aver tanto pianto, il cercare di rimettersi in carreggiata. Racconta del costante senso di colpa che ti segue sapendo che la vita della persona che hai perso è ormai ferma e immobile , chiusa in una cassa sotto terra, mentre la tua scorre ancora e procede. Racconta anche però che qualche volta da qualcosa di brutto può scaturire qualcosa di positivo...leggendo il libro capirete cosa...


E' a mio parere un libro assolutamente da leggere assaporandolo con calma in modo da gustare i messaggi che Lennie lascia a sua sorella sparsi e nascosti nei luoghi a loro tanto  familiari.


Consigliato? Ovviamente si!!!


Stelline: @@@@@



Nessun commento:

Posta un commento

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)