venerdì 25 febbraio 2011

Recensione: FORMICHE PERIFERICHE di Liliana Guerriero (recensione ad opera di Emma De Bonis)

Ciao ragazzi! Quest'oggi vi propongo la recensione di un libro dal titolo molto particolare, FORMICHE PERIFERICHE di Liliana Guerriero,edito dalla casa editrice Statale 11, la quale pubblica anche autori emergenti. Due righe fa ho scritto "vi propongo" perchè la recensione non è stata fatta da me ma da Emma De Bonis,che me la ha fatta avere tramite e-mail. Infatti come sapete e potete vedere alla sezione "contatti" accetto anche collaborazioni esterne. Bene! Iniziamo!
TITOLO: Formiche Periferiche.
AUTORE: Liliana Guerriero
EDITORE: Statale 11
PAGINE: 170
PREZZO: 14,00 Euro
Ricostruirsi una vita è sempre difficile, soprattutto se sei donna, sei stata congedata dal lavoro, ami perdutamente il tuo vicino, proprio quello che sembra un divo degli anni cinquanta, e l'unica compagnia è una colonia di formiche che si è insediata in casa tua.

RECENSIONE:

" Là fuori deve esserci qualcuno che mi cerca. La polizia? No, forse si tratta solo di uno scherzo della mia mente. Un altro squillo. Il suono del campanello si fonde nella canzone serale delle formiche venute fuori dai loro nascondigli. E' un mormorio che si alza e si abbassa ritmicamente, come la coda di Phil." Un brano, questo, di un noir intriso d'ironia, che narra in prima persona la storia, della durata di quattordici giorni, di una donna che ha perso il lavoro e si ritrova a doversi inventare un modo per uscire dall'universo di solitudine in cui è sprofondata. " Un tempo il lavoro mi appagava e mi faceva sentire parte di una comunità, e mai mi sarebbe venuto in mente  di spiare i vicini dall'occhio magico. Non che la mia esistenza fosse allora meno anodina di adesso, ma il tempo passato a stilare elenchi mi dava pace." Ed è spiando i vicini che si presenta la possibilità di un radicale cambiamento nella persona di un uomo misterioso, somigliante in modo folgorante a un mito del cinema americano degli anni '50: l'attore Robert Mitchum ultima maniera, versione Philip Marlowe. Ha inizio così una girandola di tragicomici avvenimenti in cui a tenere compagnia alla nostra eroina ci sono il gatto Phil, il manichino Bob e una colonia di formiche insediate nel suo appartamento. Creature di un mondo grottesco e assurdo, ostile e desolato, in cui la protagonista si muove con allegro cinismo, senza disdegnare colpi bassi ,pedinamenti, impacchettamenti di cadaveri veri o presunti fino allo spiazzante finale. Il tutto narrato senza cedimenti alla corda patetica o sentimentale, e scandito da scene di vecchi film per la gioia degli amanti del genere. (Scritta da: Emma De Bonis)
L'AUTRICE: Liliana Guerriero è una ex docente di Fisica. Vive a Napoli, ama la lettura, il cinema e gli animali, in particolare i gatti.

Se volete conoscere meglio quest'autrice...ho trovato una sua intervista QUI sul sito della casa editrice.

1 commento:

  1. Originale e brillante opera prima, che indaga sul mondo degli sfigati senza però cedere mai alla corda del patetico.

    RispondiElimina

Non essere timido/a...se ne hai voglia, dimmi cosa ne pensi :)